Vai al contenuto

Fiducia, Pilu o Malizia?

Cartello elettorale di Gianfranco Rotondi
Cartello elettorale di Gianfranco Rotondi apparso a Milano.

A chi ha rubato Gianfranco Rotondi lo slogan che si vede sotto il suo nome? E' sin troppo facile capirlo, visto che ci gioca su a bella posta, pensando di fare una genialata. Se quello slogan a malapena funzionava per i formaggi filati figuriamoci se può funzionare per un salamino come Rotondi. A quale favolosa agenzia di comunicazione si sarà rivolto? E dove avrà preso questa agenzia i suoi dipendenti? In un centro commerciale con lo sconto prendi 100 e paghi 1? E questa agenzia lavora solo per questo politico o anche per altri? Vediamo un po'...

Forse è la stessa agenzia a cui si è rivolto Laqualunque? Che nel suo caso hanno ripreso almeno uno dei suoi cavalli di battaglia: "Lu pilu". E facendo il verso al mitico "I have a dream" di Marthin Luther King. D'altronde ognuno ha la sua retorica. La retorica di Laqualunque è una retorica non diversa da quella di quell'altro bellimbusto del nostro presidente del consiglio. Che, a sua volta, ricorda quella di colui che comandava in Italia prima che arrivasse la Costituzione.

Cetto Laqualunque, Qualunquemente
Cetto Laqualunque, Qualunquemente

A proposito, come si comunicava a quei tempi? Ce lo ricorda il terzo dei tre pannelli pubblicitari che ho fotografato a Milano l'altra sera e che vi propongo in questo post.

Cartello Pin Up
Cartello pubblicitario apparso a Milano.

Inutile dire che dei tre cartelli quello che preferisco è questo qui su. Altro che fiducia o pilu! Più di quelli può la malizia. A buon intenditor...

Print Friendly, PDF & Email

1 thought on “Fiducia, Pilu o Malizia?

  1. Pingback: Le ricerche nel blog tra bufale e pistolino | Giuseppe Vitale's Blog

Rispondi