Vai al contenuto

Metodi Festival, perché esserci

Per il secondo anno consecutivo ho deciso di partecipare al Metodi Festival. Ci sono stato, infatti, nell'ottobre del 2010 e ci torno il prossimo ottobre. Questo festival è una rassegna internazionale sulle tecniche di recitazione che si svolge durante i primi 10 giorni di ottobre nell'Alta Maremma. E' una straordinaria occasione di formazione e di pratica: ogni mattina, infatti, si svolge il convegno sui temi della recitazione prescelti e ogni pomeriggio c'è il workshop con uno dei docenti. Questi ultimi sono di livello internazionale e provengono da un po' tutte le parti del mondo. Quest'anno sono:

  • Will Bond, attore della Siti Company di New York;
  • Karen Kolhaas, insegnante dell'Atlantic Theater di New York;
  • Sharon Carnicke, attrice e insegnante dell'Università Sud California;
  • Horacio Czertok, regista e insegnante del Teatro Nucleo di Ferrara.

Da segnalare anche che ospite quest'anno del festival sarà JeanPaul Denizon. Tema di questa quarta edizione saranno le avanguardie e le nuove tendenze, dopo che l'anno scorso ci si è occupati dell'improvvisazione teatrale.
E' una gran bella occasione anche per conoscere gli allievi, che provengono da varie parti del mondo, e le loro esperienze, per stringere delle amicizie e perché no anche delle collaborazioni.

Io credo che attori, insegnanti, registi o chiunque aspiri a fare qualcuno di questi mestieri non debba mancare questo appuntamento. Non solo perché s'impara molto in queste giornate ma anche perché esse offrono tanti spunti di approfondimento che stimolano le idee. L'anno scorso ho davvero avuto una bella occasione di maturazione grazie al suggestivo castello di Castiglioncello dove ho soggiornato, il vicino mare, persone che ho conosciuto e che sento ancora.

Ascolta il mio consiglio e partecipa anche tu. Contattami che ti racconto meglio.

Print Friendly, PDF & Email

1 thought on “Metodi Festival, perché esserci

  1. Pingback: Le prime luci del 2012 | Giuseppe Vitale's Blog

Rispondi