Battisti e La sposa occidentale

La sposa occidentale
La sposa occidentale (Photo credit: Wikipedia)

Con oggi, 9 settembre 2011, sono 13 anni che Lucio Battisti ci ha lasciati. Morì, infatti, il 9 settembre del 1998. Voglio ricordarlo con una delle più note canzoni nate dalla sua collaborazione con Pasquale Panella, La sposa occidentale che dà il titolo a un album dell'ottobre del 1990. Fa parte di quei "dischi bianchi" bistrattati dai suoi primi fan.

La sposa occidentale, è un lavoro criptico, come tutti gli altri di Panella. Richiede ripetuti ascolti per assaporarne i segreti, ma dopo esserne venuti in possesso sarà difficile che ve ne liberiate.

Così scrive Fabrizio Pucci in una sua recensione. Io l'ho riascoltato più volte questo brano e devo dire che è piuttosto divertente, parla dell'amore alieno da sentimentalismi, romanticherie, sdolcinatezze, con tanta ironia ed essenzialità. E mi fa immaginare questo grande e coraggioso artista che fu Battisti così avanti nei gusti, nella mentalità, nella pratica della musica che in tanti non capirono i suoi ultimi album. Buon ascolto.

Non dobbiamo avere pazienza, ma
accampare pretese intorno a noi
come in un assedio, ed essere aggrediti
dalle voglie più voluminose:
un fiore, che è un fiore,
io non te l'ho mai portato
vuoi improvvisato, vuoi confezionato, ma
trasferisco da te tutti i fiorai,
è più facile a dirsi,
e infatti te lo dico.
Ti piacciono i dolci
ed io sul tuo terrazzo impianto
un'impastatrice industriale
che mescola e sciorina la crema per le scale.
Se tu ti vesti, io sul tuo balcone
faccio calare in forma d'indumenti,
tutti i paracaduti ed un tendone bianco da sceicco
e la sua scimitarra per fermaglio
ed è più facile a dirsi che a dimostrarlo falso,
e infatti te lo dico perché non basta il pensiero.
Vuoi prendere un treno di notte
pieno di paralumi e di damasco per dormire,
sennò a che serve un treno:
alzo con le mie leve tutti i binari
e, senza alcun disagio di viaggiare in discesa,
scivolano da te tutti i vagoni.
Detto cosi' e' semplice e infatti lo e' detto cosi'.
Ti lascio immaginare cosa succederebbe
se tu volessi bere, se tu volessi nuotare,
se tu volessi l'ultimo centimetro di cima
del monte che ti pare
per farne niente o per otturare
un buchetto qualsiasi in fondo a un mare.
Trascurando il tempo ed il riso
tu escludi le risorse più abusive
che sono state mai precise come
sul tuo bel viso rilassato ed inespressivo.
Se nulla capivo, qui tu finalmente
nulla lasciavi germogliare sulla brulla,
paradossale, tra noi terra infondata,
dove sono i leoni,
ammattiti e marroni,
lasciando immaginare
la sposa occidentale.
La sposa occidentale che sembra quasi ridere
e invece lei respira,
quasi piangere, ma gira
dall'altra parte il viso, ma ritorna
portando sue notizie inaspettate;
amando tutto ciò che adora,
chiama con nomi fittizi le cose:
così, semmai, le rose
son spasimi, per ora.

Enhanced by Zemanta
Print Friendly