Vai al contenuto

Le prime luci del 2012

Diogenes Club
Diogenes Club. Claudio Di Ludovico.

Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare. Quando le difficoltà si fanno serie è il momento di cominciare ad usare di più e meglio la testa. Quando l'orizzonte è pieno di angoscia ed incertezze è il momento di guardare il senso delle cose da più lati. Per questo per me il 2012 è l'anno dei maghi, l'anno cioè di coloro che giocano con le metafore e con la retorica per ampliare le nostre vedute, per consentirci di vedere ciò che non vedevamo, per rischiarare un cammino che si è fatto piuttosto scuro, buio. Protagonisti di questi strumenti sono gli artisti. Perciò come attore mi sento chiamato in causa, come Diogene, a portare in dono un po' di quella luce che ogni giorno alimento. Voglio, quindi, raccontarvi un po' che strade percorrerò in questo anno nuovo nella speranza di incontrarvi, di fare un pezzo di strada insieme a voi o almeno di darvi qualche spunto, qualche opportunità.

Grande protagonista si annuncia per il 2012 nella mia vita il teatro. S'inizierà, infatti, il 5 gennaio con lo stage Short Latitude sulla nuova drammaturgia inglese promosso dal Teatro Pubblico Pugliese e dal British Council Italiano. A questo proposito tra i compiti per le vacanze per il corso di teatro con Enzo Toma che sto seguendo ho la presentazione del Riccardo III di William Shakespeare. Coinvolgerò in questo anche i lettori del mio blog. Dal 13 Gennaio sarà poi la volta del laboratorio di scrittura e racconto, al quale spero di poter prendere parte, sulla Kater i rades condotto da Francesco Niccolini, Fabrizio Pugliese e Luigi D'Elia. Sempre a proposito di corsi segnalo anche lo stage con il grande Miloud Oukili L'immagine di sè e l'arte di meravigliarsi dal 27 al 29 gennaio 2012 presso la scuola elementare Gianni Rodari di Brindisi. Un altro workshop importante al quale mi sono candidato è Il mestiere dell'attore, condotto da Annabella Cerliani, che si terrà in occasione del Bif&st 2012 che si terrà dal 25 al 31 marzo al Teatro Van Westerhout a Mola di Bari. Sono poi in attesa di un bando di concorso per un grosso progetto con Giorgio Barberio Corsetti e Francesco Niccolini curato dal Teatro Pubblico Pugliese. Chiude questa panoramica il Metodi Festival ad Ottobre in Toscana al quale spero di tornare dopo la mia partecipazione nel 2010.

Il 2012 per me sarà una grande occasione per conoscere meglio Carmelo Bene perché l'intero Bif&st di quest'anno sarà a lui dedicato. Spero, poi, di tornare all'improvvisazione teatrale, dopo averla praticata per anni.  Sempre in tema di ritorni leggerò di più poesie grazie ad una bella iniziativa editoriale del Corriere della Sera.

Approfondirò anche la mia conoscenza del grande filosofo, sociologo, psicologo austriaco Paul Watzlawick con la lettura di un terzo libro, dopo i due letti nel 2011. Questa volta toccherà a Il linguaggio del cambiamento. Gli altri libri che leggerò saranno: Centouno storie zen, La bottega dei narratori, La via dello zen, Il tao e aristotele, Sulla recitazione.

Sarà l'anno delle elezioni il 2012, spostando lo sguardo sul mondo, in Francia e negli Stati Uniti. In entrambi i paesi, infatti, sono cominciate le campagne elettorali. Quelle americane destano molta attenzione per gli equilibri politici, sociali ed ambientali del pianeta. Obama sarà riconfermato oppure tornerà un repubblicano al potere? Si riaffermeranno politiche isolazioniste oppure gli USA continueranno ad avere un ruolo in tutte le questioni delicate della geopolitica? Le elezioni in Francia, invece, si annunciano decisive per le sorti dell'euro. Chissà se non ci saranno le elezioni anticipate in Italia...

Nel 2012 ci saranno, infine, due importanti eventi sportivi: gli europei di calcio in Polonia e le olimpiadi di Londra. Il vecchio continente prova con lo sport, dunque, a giocare un ruolo nel mondo che è venuto un po' meno con la crisi dell'euro.

E tu cosa farai nel 2012?

E' importante considerare anche l'eredità del 2011, non credi?

Il mio discorso di fine 2011 lo hai visto?

Enhanced by Zemanta
Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Le prime luci del 2012

Rispondi