Il decalogo dell’incontro perfetto

Incontro
Incontro. Di Guido Andolfato.

Per anni mi sono chiesto come fare buona impressione agli altri e come approfittare di un incontro per trasmettere e ricevere il massimo che si potesse. Dopo tanti tentativi, fallimenti e, per fortuna, anche successi ho cominciato a capire come si fa, senza però avere la presunzione di essere il massimo esperto della materia. Anzi, ho ancora molto da imparare in proposito. Purtroppo anche se siamo gentili, a modo, spiritosi non sempre piacciamo. Ce ne dobbiamo fare una ragione, ci saranno sempre quelli che diranno che non siamo abbastanza gentili o spiritosi o intelligenti o giusti. Pazienza. Non demordiamo e cerchiamo di imparare sempre, rilassandoci anche perché non siamo Dio e non dobbiamo salvare tutti quelli che incontriamo. Ho quindi raccolto dieci regole per l'incontro perfetto, tra virgolette. Prendete queste regole però per il verso giusto: non sono una rigida corazza da indossare diventando così dei palombari ambulanti pesanti e goffi che tutti scanseranno; sono piuttosto alcuni dei tanti suggerimenti opportuni in questi casi. Magari voi, sono sicuro, ne avete tante altri. A me sono venuti in mente queste e ve le propongo. Sono valide in tutti i tipi di incontri: amoroso, di lavoro, tra amici, ecc. Ad alcuni sembreranno scontate però vi posso assicurare che anche a me spesso tanti consigli mi sembrano arcinoti e scontati, poi però pensandoci su mi accorgo che non è proprio così, che c'è sempre qualche aspetto che non ho considerato o che magari credo di vedere nella giusta ottica e invece, dopo un confronto, mi accorgo che non è così.

  1. Informarsi prima sui gusti e gli stili di vita delle persone da incontrare. Non so voi, ma io appena si manifesta la possibilità di conoscere qualcuno la prima cosa che faccio è cercare su google informazioni su di esso o essa. In questo modo eviterete le prime clamorose gaffe tipo, per le donne, mettervi il tacco da 12 se siete alte un metro e ottanta quando invece state per incontrare uno che al massimo arriva al metro e cinquanta.
  2. Non imbarazzare mai le persone con gesti o battute inopportune. Non è che dopo un minuto che avete conosciuto un gruppo di donne proponete loro di fare un'orgia. Io l'ho fatta questa battuta, da maschietto camionista che sono, ma almeno erano passate un paio d'ore e per fortuna queste ragazze erano molto simpatiche e ci hanno riso molto su. Peccato, speravo che si concretizzasse invece 😉
  3. Guardare negli occhi i propri interlocutori. Non vi dico quanto fastidio provo quando sto parlando con qualcuno che mentre mi risponde rotea gli occhi ovunque o fissa un oggetto o un punto. Mi viene voglia di dargli un pugno e dirgli: "Ooooh, è a me che devi guardare!". Però mi raccomando, con discrezione. Se no vi succede che il primo appuntamento con cui avete tentato di ipnotizzare il vostro partner con gli occhi questi ha pensato che siete pazzi.
  4. Non essere avari di sorrisi. Lo so che ve lo raccomandano sempre ovunque ormai il sorriso. Eppure spesso succede che o siamo musoni o sorridiamo come ebeti, per finta. Quanto è bello invece guardare una persona che sorride per davvero. Perché non lo facciamo allora?
  5. Non sottrarsi a strette di mano ed abbracci. Purtroppo usiamo spesso male il nostro corpo in queste occasioni: o siamo troppo rigidi o troppo calorosi ed invasivi. Ma toccare l'altro è più importante del parlargli. Il linguaggio del corpo è il nostro primo linguaggio e perciò va curato con la massima attenzione. Senza però stritolare l'esile mano della fanciulla che ve la affida.
  6. Prestare ascolto a ciò che viene detto. Quante volte ci presentiamo, stringiamo la mano di una persona, e subito dopo non ricordiamo il suo nome? La ragione di questo è che non ci predisponiamo all'ascolto e purtroppo spesso non ascoltiamo neanche dopo. Le nostre conversazioni somigliano spesso alla tribuna politica televisiva.
  7. Bere e mangiare insieme. So che vostra mamma si è raccomandata di non accettare mai le caramelle dagli sconosciuti e che considerate educati coloro che rifiutano cibo e bevande quando vengono offerte. Invece condividere il cibo vuol dire cementare l'unione. Con questo non voglio dire che vi dovete bere tutti i cicchetti di grappa che vi offrono gli imprenditori veneti così da spaccarvi lo stomaco ma non dovete nemmeno tenere la bocca sempre stretta e chiusa.
  8. Ringraziare e scusarsi il giusto. Quindi se vi pestano il piede non chiedete scusa per aver messo il vostro piede sotto quello di chi l'ha pestato. E voi che l'avete pestato se è successo per distrazione non ne fate una tragedia nazionale.
  9. Arrivare sul luogo dell'appuntamento ben prima dell'orario stabilito. Bisogna essere più che puntuali arrivando addirittura mezz'ora prima. Questo piccolo trucco vi aiuterà a stare rilassati e ad accogliere meglio l'altra persona. Aspettare vi stanca e vi snerva? Guardate la cosa da un altro punto di vista: chi arriva dopo è sempre trafelato e in soggezione. Chi aspetta invece mostra sicurezza di sé. Meditate donne, meditate...
  10. Non parlare mai male degli altri. Lo so che è una facile tentazione, ma su questo è molto meglio tenere la bocca ben chiusa.

Un ultimo suggerimento che vi faccio è di chiedere dopo qualche tempo alle persone che avete incontrato se avete fatto buona impressione o no e se qualcosa di voi ha dato fastidio, senza però dare gravare troppo sul giudizio altrui. Ora, mi farebbe piacere raccogliere vostri commenti e suggerimenti.

Print Friendly

Un pensiero su “Il decalogo dell’incontro perfetto

Rispondi