Vai al contenuto

Le ricerche nel blog tra bufale e pistolino

Search Technology Redux
Search Technology Redux. Di J Brew.

Oggi ho deciso di raccontarvi un po' che cosa cercano le persone nel mio blog dando un'occhiata ai termini di ricerca. Così che posiate farvi un'idea di cosa si può leggere tra i post che pubblico.

Iniziamo subito dalla prima chiave di ricerca che è "giuseppe vitale", il mio nome e cognome, com'è ovvio che sia. Ho scoperto di avere molti omonimi in rete: un altro attore, un poeta siciliano, un bassista, un fotografo, un pittore e scenografo, solo per rimanere nell'ambito degli artisti.  Ma ci sono anche un frate, un ingegnere, un archeologo e diversi artigiani. Tuttavia il mio blog appare sempre in testa alle ricerche.

Il secondo termine chiave più utilizzato è "pubblicare link su facebook". Il 3 settembre 2011, infatti, Facebook ha tolto all'improvviso il pulsante per la pubblicazione dei link. Allora ho subito scritto un post per spiegare come si pubblicano i link nel popolare social network. Questo post è il più commentato di tutti. Tira più un link su Facebook che mille banner luccicanti!

Seguono poi una serie di chiavi di ricerca dedicate alla bufala del bambino scomparso a Cisternino. Quest'ultimo è il post più letto in assoluto di tutto il blog. Infatti è comparsa come bufala su Facebook e quasi nessun organo di informazione se n'è occupato. Invece quasi un migliaio di persone è venuta a cercare informazioni non appena la bufala si è diffusa. Per gli amanti dei grandi numeri di visitatori dico che occuparsi di bufale è una buona dritta.

Enzo Toma, regista ed attore con cui ho lavorato di recente è tra le prime chiave di ricerca, anche perché nell'ultimo anno ho parlato spesso di lui. Visto che non ha né un sito né un suo blog è normale che io ne sia diventato la fonte primaria di informazione. Ma fossi in lui, visto il lavoro che fa, non trascurerei la rete.

Ci sono poi delle chiavi di ricerca di cui sono orgoglioso come "san francesco d'assisi", "la gioia di scrivere poesia", "conseguenze 11 settembre", "il capitano achab", "mappa mentale". E' grazie ad argomenti come questi che continuo ad avere il piacere di postare nel mio blog.

Una menzione a parte la merita "gianfranco rotondi" anche lui tra le principali chiavi di ricerca. Ha utilizzato, infatti, uno slogan elettorale che scimmiottava il già infelice slogan della Galbani: "Galbani vuol dire fiducia". Non potevo a questo punto evitare di dedicargli un post.

Infine non capisco perché al mio blog continuano in tanti a chiedere: "jacopo fo ha figli"? Io so che ne ha una e che è già diventato nonno, contenti? Non avete proprio da cercare altro in rete? Come non capisco quelli che sono venuti a cercare "foto di cadaveri". Ma siete necrofili per caso? Oppure ancora "il pistolino". Pervertiti!

E tu cosa vorresti trovare in questo blog? Rispondi al mio sondaggio.

Enhanced by Zemanta
Print Friendly, PDF & Email

Rispondi