Come sopravvivere al lunedì ed evitare di suicidarsi

Lunedì...
Lunedì... di Aldo Cavini Benedetti.

Oh San Crispino! È di nuovo lunedì! Oh San Procopio, si ricomincia! O San Pacomio ma com'è che è già passata la domenica?

Sento gli echi delle giaculatorie che in uffici, case, auto e persino per strada state gettando sul giorno più odiato della settimana: il lunedì.  Ma perché lo odiamo così tanto? Perché...

Sei costretto ad alzarti alle 5:30, ti spogli e già ti ritrovi nella doccia senza neanche sapere il perché, dopo averci litigato per una mezz'ora, la convinci a fare scendere l'acqua a -55°; una volta fatta la doccia, non fai in tempo ad asciugarti che sei già vestito, ti appresti in cucina per procacciarti qualche avanzo della torta di ieri, ma la ritrovi rivoltata su se stessa con scritto "uccidimi" al posto di "Buona Domenica"

come suggerisce Nonciclopedia? In questo mio post voglio aiutarvi a sopravvivere al fatidico lunedì e ad evitare che prendiate a testate il vostro capo. Perciò conosceremo un po' cos'è il lunedì, così da non farsi sopraffare ed esamineremo trucchi e suggerimenti per non farvi venire l'ulcera. Se leggerete tutto il post mi ringrazierete e starete così bene che abbraccerete e coccolerete persino vostra suocera.

La prima cosa da sapere è che il lunedì non è il primo giorno della settimana, così sfatiamo subito un mito. Negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Portogallo e in Brasile è il secondo.  Nei paesi musulmani è addirittura il terzo. Perciò potreste prendere in considerazione l'idea di trasferirvi a New York, Rio de Janeiro o Tunisi, a seconda dei vostri gusti 🙂 E poi non tutti lavorano il lunedì: i barbieri e i parrucchieri riposano proprio il lunedì, anzi continuano a riposare visto che pura la domenica stanno chiusi. Fai ancora in tempo a cambiare lavoro.

Eccoti subito un trucco per non stare male il lunedì: passa male la domenica, ma così male che il lunedì ti sembrerà una passeggiata, una liberazione. Per passare da schifo la domenica puoi:

  • andare da tuo suocera;
  • lasciare che la tua compagna faccia shopping al centro commerciale con la tua carta di credito;
  • partecipare alla festa in parrocchia con il parroco che prima celebra la messa con l'omelia più lunga della messa e poi attacca pure un sermone;
  • andare in visita o ricevere parenti che non vedi da tanto tempo e che appena ti vedono ti dicono che fa loro piacere che hai risolto quel tuo problema con una faccia da Giuda che bacia Gesù da premio oscar.

Dopo questo trucco ecco cosa puoi fare il lunedì per evitare di sfogarti dando pugni alla macchina del caffé con la scusa che non ti sta dando il resto

  • evita come la peste i conti alla rovescia perché hanno l'effetto contrario, infatti allungano il tempo invece di restringerlo;
  • non guardare mai l'orologio perché questo gesto è letale visto che in realtà ferma proprio il tempo;
  • ricordati che il lunedì è il giorno dei peccatori.

Ti spiego meglio cosa voglio dire in questo ultimo tempo con questa massima di Thomas Ybarra:

Dicesi cristiano un tale che si pente la domenica per quello che ha fatto il sabato precedente e per quello che rifarà il lunedì successivo.

Quindi il lunedì pecca tantissimo, ti potresti pentire di non aver peccato. Quali peccati potresti commettere? Te li darò domani con un post sui peccati da commettere nei giorni feriali 🙂

Print Friendly

4 pensieri su “Come sopravvivere al lunedì ed evitare di suicidarsi

  1. Pingback: Sei peccati da commettere nei giorni feriali, se no quando ti passano… | Giuseppe Vitale's Blog

  2. Pasquale D'Oria

    Dipende quello che hai da fare il lunedi. Se sei molto impegnato che non hai nemmeno un attimo libero, non pensi ne alle suocere, ne alle carte di credito ne ai parenti... Ti passa in un baleno fidati! 😉

    Rispondi
  3. Pasquale D'Oria

    Dipende quello che hai da fare il lunedi. Se sei molto impegnato che non hai nemmeno un attimo libero, non pensi ne alle suocere, ne alle carte di credito ne ai parenti...Il lunedì arriva in un attimo e ti passa in un baleno fidati! 😉

    Rispondi
  4. Pingback: Il network marketing: cos’è, perché conviene, cosa insegna. | Giuseppe Vitale's Blog

Rispondi