Vai al contenuto

L’attentato di Brindisi e le teorie di Dallas

l'orrore di Brindisi
L&39;orrore di Brindisi. (Credit: Lollo).

Erano le 12 e 30 del 22 novembre 1963 quando il trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti, John F. Kennedy, veniva assassinato a Dallas. Subito si disse che a sparare era stato un unico cecchino. Di fatto fu incriminata una sola persona. Ma dal 1979 in poi fu chiaro che a sparare furono più persone.  Questo caso è emblematico del fronteggiarsi di due teorie di fronte a un assassinio o ad un attentato: il gesto singolo (la lone gunman theory) e la teoria del complotto. L'attentato di Brindisi di sabato 19 maggio non si sottrae a questo confronto. Da una parte, infatti, le indagini propendono per la pista interna alla scuola, legata a persone che hanno avuto a che fare con essa e che hanno fatto minacce al preside. Dall'altra le piste legate al terrorismo e alla mafia, seppur minoritarie, non sono state ancora del tutto escluse, prova ne sia che il titolare è il procuratore distrettuale antimafia Cataldo Motta. Da una parte quindi si pensa al gesto di un uomo pieno di rancori e magari folle e dall'altra non si esclude che una qualche organizzazione, di tipo criminale o meno, abbia agito per non si sa quali interessi. Un giornalista non meglio identificato ha suggerito a Claudio Messora, autore di un post su Cadoinpiedi, che possa centrare qualcosa la vicenda del rigassificatore che per anni la LNG Gas ha tentato di realizzare al largo di Capobianco a Brindisi. E' chiaro che si naviga tra le idee, tra le ipotesi, in mezzo alle teorie. Queste possono essere più o meno campate in aria, più o meno concrete. E a Brindisi come in altri casi di questo tipo entrano in gioco prove scientifiche e un altro tipo di conoscenza più o meno empirica che possono o scontrarsi o agire insieme, rinnovando la questione della demarcazione. All'interno di essa i tentativi di ricostruire lo scenario e quindi di trovare una spiegazione all'interno della quale ogni tassello trova il suo posto sono più che legittimi. Quindi, ad esempio, una trama della vicenda nella quale una o due persone agiscono come esecutori della tentata strage e altri soggetti che figurano come mandanti non è da escludere. Non è da scartare anche la  possibilità delle pressioni sul governo Monti perché non separi la Snam dalle sue quote di proprietà in Eni. Perciò sottoscrivo ciò che ha pubblicato Michele Di Schiena in una sua lucida nota:

Appare ... azzardato attribuire l'attentato a qualche isolato psicopatico criminale indicando alla vigilanza democratica e all'attenzione investigativa piste stabilite "a priori". Scelte motivate certo dal proposito di tutelare la positiva immagine delle comunità interessate ma che allo stato sono prive di convincenti argomenti e possono perciò risultare fuorvianti.

E tu cosa ne pensi, è stato un gesto di una sola persona o di un gruppo?

Aggiornamento delle 16 e 45: il preside della Morvillo Falcone esclude che si sia trattato di una vendetta.

Enhanced by Zemanta
Print Friendly, PDF & Email

1 thought on “L’attentato di Brindisi e le teorie di Dallas

  1. Pingback: Le procure frettolose fanno le indagini cieche | Giuseppe Vitale's Blog

Rispondi