Vai al contenuto

Le storie alla Fiera del Levante

Presepe arcaico (1999).
Presepe arcaico (1999). Terrecotte e terrecotte bianchettate (la natività). 48 pz. Francesco e Raffaele Spizzico.

Due giorni fa, l'undici settembre, sono stato alla Fiera del Levante a Bari, aperta fino al 16 settembre. Vi ho scoperto delle storie che in questo post voglio raccontarvi e raccomandarvi, se ci andate anche voi. A partire dalla bottega delle storie, la bella mostra di terrecotte che la Banca Popolare di Bari ha dedicato ai maestri d'arte Francesco e Raffaele Spizzico. Sono storie che sanno di mediterraneo, di nord Africa, di culture antiche e popolari, di materia lavorata con sapienza e gusto. Ciò che questi due pittori, decoratori, mosaicisti e ceramisti baresi ci raccontano sono le stratificazioni della nostra cultura e le rielaborazioni che su di esse possiamo costruire. Una consapevolezza, questa, che ci guida nel nostro cammino di pugliesi. Al di là di ogni crisi. Questa mostra la trovate al Pad. 100 Stand PAD.101.

Queste storie in qualche modo continuano con Rivisitazioni in Levante, la mostra fotografica a cielo aperto che racconta " inedite visioni del presente e del passato della Fiera attraverso lo sguardo di 20 fotografi pugliesi".

Albero dei desideri.
Albero dei desideri della startup My Special Gift.

Essa ci accompagna dalla fontana monumentale della fiera al padiglione 129, quest'anno dedicato alle Start Up e alle imprese creative. La fiera è luogo di incontri e di scambi. Il padiglione di questo tipo di micro imprese è luogo dove questi incontri e scambi prendono la forma di idee, di  progetti, di reti tra le persone.  A partire da The Hub Bari, nodo di una rete internazionale dove attraverso l'incubazione, il co-working e le strategie di rete professionisti e imprese possono trovare casa. Grazie ad una chiacchierata con la co-founder del locale nodo Giusy Ottonelli mi sono reso conto, ad esempio, delle buone opportunità che un singolo professionista può avere nel caso voglia ritagliarsi spazi di lavoro e voglia accedere ad alcuni servizi a Bari.

In questi giorni di fiera vi sono ospitate alcune startup che voglio segnalarvi.  Come My Special Gift, ad esempio, grazie alla quale un regalo diventa non solo un evento social da condividere ma che soprattutto permette di centrare senza errori il regalo che il festeggiato di turno desidera più di ogni altro. Oppure Swoppydo, un sito web dedicato al baratto, in cui non si condividono solo gli oggetti ma anche i desideri legati ad essi per la cui soddisfazione può essere necessaria la moneta virtuale degli swoppydollars.

Stand di artigianato del Nepal.
Stand di artigianato del Nepal.

Altre storie, poi, possono attrarre il visitatore, come quelle che mi hanno assalito con i loro colori, con le loro forme, con i loro profumi al Salone dell'Artigianato Internazionale, dove davvero i miei occhi e la mia mente hanno avuto una sinfonia, una orgia di sensazioni. Sensazioni che poi si sono amalgamate al tramonto sull'Adriatico ammirato all'uscita e che tento di riprodurvi in questa foto qui sotto.

Lungomare di Bari nei pressi della Fiera del Levante.
Lungomare di Bari nei pressi della Fiera del Levante.

Anche voi ci siete stati o ci andrete? Raccontate nei commenti qui sotto com'è andata, le vostre impressioni, le vostre storie. Chi vuole può divertirsi a navigare queste storie nella mappa mentale che ho preparato.

Aggiornamento delle 13:00. Online si può trovare il sito web di The Hub Bari e i suoi profili Facebook e Twitter.

P.S.: post rivisto il 9 aprile 2013.

Print Friendly

5 thoughts on “Le storie alla Fiera del Levante

  1. Luigi Sisto

    Perché dico questo? 1) Perché ci sono stato. 2) Perché come tanti conosco la storia e il motivo x cui è nato il progetto. 3) Perché nella Fiera del Levante si sono annullate le dinamiche vincenti. 4) Perché I validi professionisti che gestiscono la Fiera sanno ma non fanno. 5) In quest'altra occasione si è puntato sempre alla facciata, solo alla facciata, con la consapevolezza che era una facciata. 6) Il prossimo anno? So' già come andrà... se andrà!

    Rispondi

Rispondi