Vai al contenuto

Il menu di storie e di piatti di Cunti in Tavola

foto gazzetta 1 marzo 2013
Foto dell'articolo su Cunti in tavola comparso il 1 Marzo su La Gazzetta del Mezzogiorno di Brindisi.

Teatro e cucina domani sera ad Oria. Prendo a prestito il titolo che La Gazzetta del Mezzogiorno di Brindisi ha dedicato quest'oggi allo spettacolo Cunti in tavola che terrò domani sera, 2 marzo 2013, ad Oria presso il ristorante Alla Corte di Hyria. L'idea nasce da questa domanda: cosa succede se un attore narratore e un cuoco si mettono insieme e combinano le loro arti? Il risultato di un tale impasto sono piatti da raccontare e storie da mangiare. Si potranno, infatti, assaporare dei racconti popolari combinati con piatti che riguardano proprio quei racconti. Durante la cena, per esempio, si gusteranno orecchiette con braciole e cacio ricotta mentre un giullare riporterà i commensali nel Medio Evo, un'atmosfera già suggerita dalla caratteristica ambientazione medievale del ristorante Alla Corte di Hyria, dove si svolgerà l'evento, che tra l'altro è adiacente al già suggestivo quartiere ebraico del centro storico di Oria. Per saperne ancora di più su questi racconti, la loro natura e che tipo di percorso ho fatto per raccontarli può leggersi l'articolo su Lo Strillone.

Qui voglio, invece, raccontarvi un po' a cosa potrete assistere e come si svolgerà la serata sia dal punto di vista teatrale sia da quello gastronomico: il menu in altre parole. Una volta che i commensali avranno preso posto s'inizierà con un antipasto in cui non mancheranno cicorie, polpettine, grano cotto, ricotta forte e altro. S'imbandirà la tavola come avrebbe voluto il protagonista del primo cunto, Ciucciu Cacaturnisi, un bambino che va per il mondo a cercar fortuna e che ad un certo punto incontra un vecchio saggio che gli regala la tovaglia di comando che ha il potere magico di imbandire le tavole appunto con ciò che si desidera. Dopodiché entreremo nella cucina di Cummari Furmiculecchia e Cumpari Surgicchiu mentre saranno servite orecchiette con braciole e cacio ricotta. Come secondo piatto, poi, è previsto "pecurieddu alla pignata" al quale si fa riferimento nella filastrocca iniziale e che farà da filo conduttore: "Oi te cuntu nu cuntu, spetta me puntu, nasu te ggiuntu, pete stuccatu...". Fino a quando arriverà un'ospite che raggelerà l'ambiente: farà ingresso nientedimeno che la morte nella giullarata Lu pacciu e la morti. Capiremo perché proprio lei e per chi verrà: Gesù Cristo che sta tenendo l'ultima cena con i dodici apostoli. E mentre mangeremo il dolce, le pettole con il miele, accompagnati da un'antica filastrocca che ha come protagoniste proprio le pettole, conosceremo la storia del primo cavaliere di Albania che ebbe in Taranto i suoi natali: Guerin Meschino.

Il menu è servito signori. Non vi resta che prenotare il vostro tavolo al 329 6624507. Appuntamento presso il ristorante Alla Corte di Hyria in via Francesco Milizia 46 alle ore 21.

Print Friendly, PDF & Email

1 thought on “Il menu di storie e di piatti di Cunti in Tavola

  1. Pingback: Storia di un contacunti e di un cuoco | Giuseppe Vitale's Blog

Rispondi