Organizzare un progetto invece di aspettare

 

People in conversationAlle volte invece di aspettare chissà quale chiamata è bene creare un progetto e chiamare dei partner a collaborare. Se Maometto non va alla montagna vi tocca rimboccarvi le maniche. Si tratta del ribaltamento della situazione: siate voi ad organizzare invece di aspettare di essere coinvolti in qualcosa. Fate in modo che le persone decidano e facciano a gara per esserci. Create, quindi, un gran bel progetto che tutti ammirano e del quale viene voglia di parlarne. Questo richiederà molto tempo ed energie ma è il prezzo da pagare per creare qualcosa di straordinario e coinvolgente. E non abbiate paura di parlarne subito e apertamente. Dimenticate ogni timore che vi copino. Nessuno potrà mai fare qualcosa così come lo fate voi, con le vostre idee, il vostro taglio, il vostro savoir faire. Sono queste doti, infatti, che gli altri apprezzeranno e che li spingerà a cercare di collaborare con voi. vi dirò di più: siate voi stessi a copiare e migliorare progetti che vedete in giro. Alzate l'asticella della qualità.

Non per forza bisognerà spendere chissà quale cifra. Certo, i soldi a volte servono per far le cose per bene. Però spesso abbiamo bisogno davvero di poco. E poi il consiglio è di tarare l'evento sulla base delle nostre possibilità. Ma se proprio sarà necessario qualcosa di più possiamo sempre procedere a ideare delle iniziative per raccogliere quanto ci serve.

Il miglior modo per farsi conoscere è spesso proprio quello di vestirsi dei panni dell'organizzatore di eventi nel settore che ci sta a cuore. Ci dà, infatti, straordinarie possibilità di curare le relazioni con un buon numero di persone interessate ed interessanti. Riprende, con questo post, il breve percorso in dieci tappe sulla cura delle relazioni. Appuntamento a domani con un nuovo argomento sullo stesso tema. Intanto potresti leggere i cinque aspetti di cui mi sono già occupato. Potresti anche raccontarci nei commenti quella volta che anche tu hai dato vita ad un buon evento e hai coltivato ottime relazioni. Com'è andata? Come hai organizzato il tutto? Che consigli ci dai?

Print Friendly

Rispondi