Vai al contenuto

Come frequentare un corso

English: Studying at Haileybury Astana
English: Studying at Haileybury Astana (Photo credit: Wikipedia)

Come vi preparate a un corso? Che cosa fate per approfittarne al meglio? Che tecniche usate per imparare il più possibile? Cosa fate per coltivare i contatti con docenti e partecipanti?

Sono un alunno da quando avevo sei anni. Oggi che ne ho quarantuno (quasi) posso dire di aver sviluppato trentacinque anni di esperienza nel frequentare scuole, università, corsì, workshop, laboratori e lezioni. Ho anche alcune esperienze da insegnante. Sintetizzo, quindi, queste esperienze in un elenco di consigli. Lungi dall'essere esaustivo è un punto di partenza per selezionare le pratiche migliori. Vi prego sin da ora, infatti, di aggiungere i vostri suggerimenti commentando a fine post. L'elenco è diviso in tre parti: prima, durante e dopo le lezioni.

Prima dell'inizio del corso:

  • documentarsi su tutti gli argomenti che saranno trattati leggendo il più possibile;
  • preparare sitografia e bibliografia per ulteriori approfondimenti sin da ora;
  • scriversi un'ampia lista di domande;
  • fare una ricerca sui docenti evidenziando gli aspetti più salienti del loro curriculum;
  • cercare informazioni sui partecipanti se avete la loro lista già a disposizione cercando di impararne interessi e competenze;
  • parlare del corso che si sta per frequentare ai propri contatti nel blog (se non ce l'abbiamo è il momento di aprirne uno) e nei social network (non solo Facebook ma anche Twitter e Linkedin);
  • contattare eventuali partecipanti che già conosciamo esprimendo il nostro in bocca al lupo e dando loro appuntamento al corso;
  • privilegiare un look comodo e con il quale ci sentiamo più a nostro agio.

Durante il corso:

  • imparare bene a memoria subito tutti i nomi dei partecipanti e  usare questi nomi nel modo più frequente possibile;
  • sorridere e stringere la mano a tutti;
  • ascoltare senza interrompere;
  • prendere appunti evitando di scrivere molto e usare invece una mappa mentale;
  • se è necessario presentarsi farlo in modo significativo, sintetico ed empatico;
  • collaborare con umiltà nei gruppi di studio;
  • aggiungere nuove informazioni ai dossier di docenti e partecipanti che abbiamo preparato in precedenza;
  • scegliere alcune tra le domande preparate ed eventualmente formularne di nuove;
  • arrivare sempre in anticipo agli appuntamenti;
  • postare sui social network se non pregiudica l'attenzione e se avete qualcosa di importante da dire;
  • farsi consigliare libri e siti web e integrare quindi bibliografiae sitografia preparata in precedenza;
  • se non è già stato creato, organizzare uno spazio online per lo scambio di informazioni, appunti, idee, ecc.;
  • privilegiare pasti leggeri ed energetici;
  • segnarsi la data di compleanno di tutti.

Dopo il corso:

  • rielaborare tutti gli appunti presi con nuove mappe mentali, mappe concettuali e brevi testi;
  • eseguire nuove ricerche sugli argomenti;
  • scrivere dei nuovi post su quanto si è appreso;
  • approfondire lo studio con libri, riviste, blog, ecc.;
  • restare in contatto con docenti e partecipanti;
  • rivedere i nuovi elementi appresi nell'ottica del proprio lavoro quotidiano: cosa cambia? Come migliorare? Come mettere in pratica quanto acquisito?
  • ricontattare tutte le persone conosciute quando avete qualcosa di importante da dire loro, se volete coinvolgerli in qualcosa di interessante, per augurare loro buon compleanno e chiacchierare un po';
  • progettare nuova formazione.

Questi sono gli accorgimenti che mi sono venuti in mente ma sono sicuro che ce ne sono molti altri che vi invito a inserire nei commenti. Spero di essere stato chiaro, se avete delle domande potete scrivermi.

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Come frequentare un corso

  1. Sergio Casiraghi

    Trovo molto interessante le domande e gli elenchi che qui hai formulato. Grazie Giuseppe Vitale.
    Ho appena partecipato a un evento online organizzato da AICA sul Cognitve Computing da cui si ricavano ulteriori spunti per approfondire e orientare quanto da te esposto al futuro della formazione.
    Trovi tutto questo nei post del blog di cui mi servo da alcuni anni per integrare le tecnologie con una nuova didattica e lì ho appena rilanciato le tue domande accompagnate da un esempio specifico attualmente in corso con un pizzico di nostalgia ...
    Vedi qui http://sperimentata.blogspot.it/2015/02/come-frequentare-un-corso-nel-corso.html
    e anche http://sperimentata.blogspot.it/2015/02/evento-su-cognitive-computing.html

    Rispondi
  2. Giuseppe Vitale

    Da sempre sogno un computer come quelli che furono immaginati in Star Trek. C'è però una cosa che gli autori di quella famosa serie non potevano prevedere: lo sviluppo dell'internet. Su questo siamo molto avanti. Adesso aspettiamo delle macchine capaci di estrarre enormi quantità di dati dalla rete per dare delle risposte alle nostre domande in modo più "umano".

    Rispondi

Rispondi