Come scegliere il corso di recitazione giusto

Vancouver Film School.
Vancouver Film School.

Gli inizi dell'autunno sono il periodo in cui molti studenti sono alle prese con la scelta della scuola a cui iscriversi, se non l'hanno già fatto prima. In queste settimane riprendono anche i corsi di recitazione per attori. Siccome ne esistono una infinità ed è difficile per un aspirante attore capire a quale iscriversi e perché ho deciso di preparare un post che serva da guida, da orientamento. La gran parte dei consigli che vi troverete viene da esperienze personali mie o di colleghi. Faccio l'attore dal 2003 e mi confronto con corsi e workshop da frequentare da molto prima. All'inizio anche io ho finito per perdere tempo in alcuni corsi che proprio non andavano bene. Poi, con l'esperienza, ho capito come selezionarli. Spero che possa illuminare il vostro cammino e vi invito dopo la lettura dell'articolo a dire la vostra.

Sommario del post

Qual è il vostro obiettivo?
Che tipo di attore volete diventare?
Chiedete sempre.
Verificate tutto.
Provate prima.
Sei criteri per non sbagliare.

 

Qual è il vostro obiettivo?

La prima domanda che vi aiuterà a scegliere il corso che vi è più utile è: che cosa vogliamo fare? Dove vogliamo arrivare? In quale veste vi immaginate alla fine del corso? Perché, per esempio, se l'obiettivo è fare il comico oppure parlare in pubblico oppure ancora condurre un programma radiofonico o televisivo è meglio rivolgersi altrove, cercare dei corsi più specifici. Se la risposta a questa domanda è che vogliamo diventare attori allora siamo sulla buona strada. È vero che un corso di recitazione può servire ad una molteplicità di scopi differenti ma è pur vero che oggigiorno ci sono una infinità di corsi di diverso tipo, sempre più specializzati. Perciò andiamo alle lezioni di recitazione soltanto se vogliamo stare su un palcoscenico o davanti alla macchina da presa.

 

Che tipo di attore volete diventare?

Per un principiante è difficile capire che tipo di percorso intraprendere come è complicato anche fare le scelte giuste. Però la gran parte di ciò che va fatto sin dall'inizio è guardare avanti con la maggior chiarezza possibile. A partire dal tipo di attori che si vuol diventare. Sceglietevi dei modelli che vi piacciono, vi interessano, vi ispirano. Badate bene che non vi sto dicendo di copiare il loro stile, di diventare una sorta di Robert De Niro de noantri o cose del genere. Anzi, un buon attore è soprattutto se stesso. Piuttosto guardate il loro curriculum, nella parte che riguarda la formazione: dove hanno studiato? Con chi? Come? Perciò se vi interessano alcune caratteristiche della recitazione potete sapere dove si può andare ad impararle. Facciamo un altro esempio per capirci meglio. Se sentite che il vostro guru è Eugenio Barba e sognate di recitare nell'Odin Teatret partite per la Danimarca e non pensateci più. In questo caso il cinema probabilmente v'interesserà pochissimo, il vostro obiettivo è magari consumare le suole delle scarpe, se non le piante dei piedi, sui palcoscenici o per strada. Allora è giusto seguire quest'aspirazione fino in fondo. Se non avete le idee chiare prendetevi un tempo per guardare quanti più film e spettacoli teatrali possibili, così da trovare l'ambiente, diciamo, in cui vi sentite a casa. Potrebbe anche essere che, come me, vi piaccia sia il cinema sia il teatro e poter scegliere quindi scuole che vi formino in entrambe le arti.

 

Chiedete sempre.

Una volta che avrete le idee se non come il sole a mezzogiorno almeno come il sole alle otto del mattino iniziate a chiedere di tutto e di più sulla strada che volete fare. Ecco un elenco per le vostre domande:

  • digitate le vostre domande su Google e leggete il più possibile sull'argomento che vi interessa, annotate le risposte più significative e formulate nuove domande, ad esempio, agli autori dei post;
  • procuratevi in libreria almeno una guida per attori principianti;
  • contattate tutti gli attori che potete raggiungere e, senza diventare degl stalker, conversate il più possibile con loro;
  • quando avrete cominciato a individuare uno o più insegnanti che potrebbe fare per voi assicuratevi con una serie di domande che sia proprio quello giusto;
  • dopo che vi sarete segnati un certo numero di scuole o corsi che vi sembrano adatti a voi contattate gli allievi e fatevi raccontare tutto sulla loro esperienza.

 

Verificate tutto.

Fatevi sempre venire dei dubbi su ciò che vi raccontano e su ciò che leggete, anche su questo post che state guardando adesso.  E verificate ogni dettaglio, ogni informazione. Soprattutto dovete sapere tutto sulla scuola che organizza il corso che vi piace e dovete passare sotto la mente di Sherlock Homes il curriculum dei docenti.  Io conservo ancora un libro sulla Commedia dell'Arte con la dedica da parte dell'autrice insegnante che dice "a Giuseppe detto 'segugio' con affetto". Un'altra volta incontrai per caso due persone su un aereo. Mi stavano di fianco. Loro non mi conoscevano o, al massimo, uno dei due aveva sentito il mio nome qualche anno prima. Io, invece, raccontai a loro molti dettagli su chi erano e cosa facevano, così tanti che si spaventarono. Sapevo tutto questo perché stavo per sceglierli come insegnanti. Ecco, vi devono percepire proprio come dei cani da caccia. Se sono attori senza lavoro o ex allievi diplomati nella scuola che non fanno altro, lasciate perdere.

 

Provate prima.

Prima di fidanzavi o addirittura sposarvi frequentate il vostro partner, giusto? Soprattutto lo osservate alle prime uscite, quando ancora l'attaccamento è debole e il senso critico ben sveglio, almeno si spera. Perciò non lesinate le vostre iscrizioni a workshop e lezioni di prova. Dopo analizzate ciò che è successo, chiedetevi come vi siete sentiti, se è proprio ciò che volete fare e cercate di avere un colloquio con l'insegnante e con i compagni di corso per confrontarvi. Tenete presente che a volte alcuni coach tendono soprattutto alle prime lezioni a ingraziarsi i frequentatori. Perciò non fidatevi molto delle vostre emozioni.

 

Sei criteri per non sbagliare.

Eccovi ora sei regole almeno per non fare fesserie, per non trovarvi in situazioni controproducenti:

  1. fate attenzione alle truffe! Una volta il fondatore di una nota scuola, purtroppo, di Roma negli anni novanta mi fece un finto provino e subito dopo mi chiese molti soldi. Io ero principiante ma non scemo. Non rividi più la sua faccia mentre, invece, ho visto la pubblicità della sua sedicente scuola sulle riviste per anni.
  2. Assicuratevi che l'offerta didattica sia la più varia e approfondita possibile con seminari e workshop extra magari e che inoltre preveda incontri con attori e registi.
  3. Date un'occhiata alle sale e alle attrezzature a disposizione. Ciò che non dovrebbe mai mancare è una copertura del pavimento per potersi rotolare per terra in tutta sicurezza.
  4. A volte una scuola si presenta bene per gli spazi e per quelli che vi insegnano. Ciò non vuol dire per forza che sia seria e professionale. Guardate oltre le apparenze! Ci sono individui capaci di mettere insieme fondi e persone, in modi che potremmo definire quasi al di fuori delle norme.
  5. Tenete presente che un buon corso, soprattutto se siete principianti, dovrebbe durare almeno tre anni.
  6. Non tutto deve essere figo, piacevole, facile. Ci devono essere degli aspetti che vi devono spaventare per la difficoltà di raggiungerli: discipline toste, insegnanti che non regalano niente, prove difficili da superare, ecc.

E voi, come avete scelto o state cercando il corso di recitazione più adatto alle vostre esigenze?

Print Friendly

Rispondi