Vai al contenuto

25 prove di coraggio che vi cambieranno per sempre la vita

Sculpting Fearlessness www.sculptingfearlessness.com 500 × 375 Brick Child by stingerpk, on Flickr
Sculpting Fearlessness
www.sculptingfearlessness.com 500 × 375
Brick Child by stingerpk, on Flickr

Quanto coraggio avete? Che sia poco o tanto potreste averne di più e ci sono delle prove quotidiane che lo faranno crescere. Io ne ho elencate venticinque.  Il coraggio è un muscolo e come tutti i muscoli lo si può allenare.  Leggete e mettete in pratica ogni giorno, ogni momento i singoli punti che vi propongo. Io prendo l'impegno solenne di farlo per primo e vi sfido ad aumentare il vostro coraggio insieme a me. Se avete paura di questa gara, ritiratevi, non fa per voi!

Da questo momento in poi e per sempre avremo CORAGGIO ogni volta che:

  1. ci rialzeremo dopo ogni caduta;
  2. affronteremo le nostre paure;
  3. lanceremo nuove sfide;
  4. mostreremo le nostre fragilità, invece di nasconderle, come fanno i vigliacchi;
  5. apporteremo dei cambiamenti alla nostra vita;
  6. non avremo paura di perdere;
  7. andremo avanti nonostante le delusioni;
  8. non avremo paura di misurarci con niente e nessuno;
  9. affronteremo la parte più dura, le asprezze, le tempeste della vita;
  10. affronteremo il rischio;
  11. non avremo paura d'amare;
  12. andremo controcorrente;
  13. sapremo dire di no o di sì quando necessario;
  14. saremo noi stessi;
  15. seguiremo i nostri sogni;
  16. non avremo timore dei fallimenti;
  17. ammetteremo i nostri errori;
  18. faremo delle scelte;
  19. parleremo con le persone che di solito evitiamo;
  20. usciremo dalla nostra zona di comfort;
  21. useremo la creatività;
  22. impareremo a definire e raccontare i problemi invece di precipitarci a risolverli;
  23. invece di muoverci a casaccio disegneremo delle mappe della nostra vita;
  24. impareremo a formulare le domande giuste;
  25. useremo un po' d'insolenza per rompere schemi che ci imprigionano.

Il coraggio è anche una virtù, cioè una disposizione d'animo, sebbene la definizione che a me piace di più è quella di emozione: il coraggio è un'emozione che segue la paura, se non ci lasciamo bloccare dallo spavento. Senza paura non c'è coraggio, altrimenti si tratta di avventatezza, incoscienza. Questo tipo di sensazione ci serve per affrontare i pericoli, le minacce, i rischi che incontriamo più o meno ogni giorno. La paura è inscritta in noi nella parte più profonda ed è una delle emozioni che più ci pervade, con la quale abbiamo a che fare molto spesso sin da quando i nostri progenitori dovevano difendersi dagli animali feroci, dalle eruzioni vulcaniche, da tempeste, da attacchi di altre tribù e via dicendo. Domina, infatti, la parte più interna del nostro cervello, quella rettiliana. Per questo spesso la proviamo.

Il coraggio ci serve quando affrontiamo i nostri nemici, di fronte alla morte di noi o dei nostri cari, quando dobbiamo dire la verità e quando ci dobbiamo assumere la responsabilità delle nostre azioni. Quando andavamo a scuola se eravamo almeno un poco interessati alla storia, per esempio, avremmo potuto ammirare il coraggio di Annibale nell'affrontare la grande potenza di Roma, la risolutezza di Socrate che accetta di bere la cicuta e morire per difendere i suoi principi filosofici, la forza morale di Cristoforo Colombo nel superare le mitiche colonne d'Ercole. La nostra storia più recente ci ha regalato anche grandi leader che sono stati tali nella misura in cui hanno affrontato le loro paure di essere perseguitati e uccisi in nome degli ideali che hanno difeso fino all'ultimo come Gandhi e Martin Luther King. E che dire del coraggio di Malala che a undici anni sfidò i Talebani?

Oggi siamo ovunque circondati da prove di coraggio. Basti pensare agli sport estremi oppure a certi tipi di training aziendale in cui si fanno esperienze nella foresta, oppure ancora alle trasmissioni televisive come Ciao Darwin in cui i concorrenti sono messi di fronte alla fobia per gli insetti, i serpenti e così via. Diciamo subito che non è di questo tipo di prove che amo di più, anche se praticarne qualcuna non sarebbe male. Ho degli amici esperti di Outdoor Training che in questo potrebbero esservi utili. Tuttavia ovunque andiamo siamo di continuo attraversati da storie di coraggio. Ad esempio tutte la fiabe per i bambini ne parlano e tanti romanzi hanno al centro paura e coraggio. Come non ricordare, tra i tanti personaggi possibili, il Don Abbondio de I Promessi Sposi? Ma basta anche accendere la tv che il tema è quasi sempre lo stesso. Per farvi un altro esempio ieri stavo guardando il film Rocky Balboa e manco a farlo apposta Rocky stava chiedendo al suo ultimo avversario se aveva paura. Ascoltando qualche canzone alla radio, poi, con facilità ci possiamo imbattere in questo soggetto. Fra i tantissimi pezzi ricordo, ad esempio, il verso "ma il coraggio di vivere quello ancora non c'è" de I Fiori di Marzo di Lucio Battisti  oppure l'altro verso famoso "Nino non aver paura di tirare un calcio di rigore" de La leva calcistica del '68 di Francesco De Gregori.

Ma come si fa ad avere coraggio? Se uno non ce l'ha, come può darselo? Risponde a questa importante domanda il bel post di Dalila Liguoro che vi invito a leggere anche per imparare l'importante distinzione tra audacia e tenacia e i diversi tipi e le varie forme di coraggio che esistono. Una volta imparato come avere coraggio, possiamo fare un'ulteriore passo in avanti e cioè aumentarlo seguendo i suggerimenti di un altro buon post che trovate sul blog di Sviluppo Leadership.

Ora non avrete scuse. Non abbiate nemmeno remore. O il coraggio o la morte! E continuate l'elenco suggerito all'inizio del post, per favore, nei commenti: sarà utile agli altri.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi