Vai al contenuto

Dichiarazione di guerra

warDi fronte al perpetuarsi di una situazione internazionale dalle cupe tinte del sangue raggrumato sui marciapiedi e preso atto dell'incapacità dei governi di dar vita a misure per controbilanciare il saettare delle pallottole impazzite,

scendo in campo contro me stesso, contro la parte meno evoluta, più violenta, più oscura, più ottusa della mia personalità. A nulla valsero l'educazione scolastica e quella familiare che non scongiurarono ciò che ha reso Giuseppe Vitale un individuo pericoloso per se stesso e per la società. Anche gli insegnamenti del cattolicesimo scivolarono via sopra questa persona che, passata la stagione delle religiosità, tornò a pratiche di vita e di comportamento licenziose e irriferibili. Le sue idee stanno minando da dentro ogni buona prassi di convivenza sociale.

Perciò io assieme alle facoltà che si sono salvate dal colpo di stato all'intelligenza attuato dalle forze barbare e illogiche

dichiaro guerra

ai massimi responsabili di tutte le tensioni e gli abusi che si stanno perpetuando nel corpo, nella mente, nel cuore, nell'anima della mia stessa persona. Una pulsione di sfrenatezza, di vitalismo sta inquinando e deturpando ciò che le buone regole della buona società stavano con pazienza costruendo. L'edificio, un tempo bello a armonioso, a oggi risulta diroccato, bombardato dai numerosi raid delle forze dell'aviazione interna. Perciò è stata data facoltà alla contraerei di rispondere al fuoco. Lo stesso mandato è stato consegnato alle forze interne dell'esercito perché occupi e vigili ogni antro possibile. Le regole d'ingaggio prevedono l'apertura del fuoco al solo sospetto. All'intelligence invece spetterà un lavoro d'indagine su tutti i pensieri, per stanare tutti quelli che danno adito ad organizzazioni terroristiche di ogni tipo. Mentre tutte le navi da guerra sono ben schierate nel golfo delle strategie tattiche. Ogni risorsa, ogni economia, ogni possibilità verrà convogliata verso la definizione di un bilancio di guerra che foraggerà tutte le azioni necessarie nel tempo e nello spazio. Il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio, il Ministro della Difesa e tutte le più alte personalità sono concordi nel sostenere questo importante e irrevocabile passo per il bene del paese dalle lande ormai devastate da una corruzione diffusa, capillare.

Di fronte all'incancrenirsi della malattia psicologia e sociale che sta mangiando dall'interno ogni buona risorsa che la natura e il buon Dio avevano dato a questo omaccione si rende necessario il ripristino di rapidi decisioni e perciò sono proibite tutte le forme di espressione contrarie all'indirizzo dei governanti. Viene istituito il coprifuoco perenne e quindi è sospeso qualsiasi diritto civile. Il tutto per il trionfo della più alta forma di civiltà, di democrazia e di salute mentale e sociale. Le forze della liberazione e della salvezza stanno perciò in queste ore prendendo possesso di tutte le postazioni avanzate, atte a colpire il nemico in ogni punto e ad ogni costo.

Alza la tua testa con fierezza e rivolgi il tuo sguardo di fuoco verso quel putridume che da oggi sarà spazzato via! Dimostra il tuo coraggio! Corri alle armi!

P.S.: una copia di questa dichiarazione è stata inoltrata alle cancellerie della moglie del soggetto belligerante e a quelle dei familiari. Tutti coloro che dovessero notare qualsiasi comportamento sospetto del Vitale sono pregati di segnalarlo al più vicino presidio delle autorità competenti.

Print Friendly

Rispondi