Vai al contenuto

Come lanciare un ebook con un sondaggio

immagine_post_sondaggioIn questo post ci occuperemo di come lanciare con un sondaggio gratuito online. Vi spiegherò come promuovere il vostro ebook ancor prima che sia finito e avere già una buona lista di contatti a cui distribuirlo e che poi vi tornerà utile nel momento in cui avrete bisogno di feedback, recensioni, condivisioni ecc. Capiremo perché farlo e vedremo step by step come muoversi. Ciò che sto per raccontarvi è il frutto di una recente esperienza personale a riguardo della promozione del mio ebook sul Problem Telling, l'arte di risolvere i problemi raccontandoli. La sua mission è quella di fare di ogni problema una grande storia. Per fare questo il Problem Teller parte da un determinato problema e inizia a definirlo nelle sue parti principali, grazie al problem setting, l'arte di definire i problemi prima di risolverli. Una volta definito il problema inizia lo storytelling, il racconto del problema. Il Problem Telling è un ponte tra il problem solving da una parte e lo storytelling.

Il mio percorso di Problem Teller nasce in un momento della mia vita in cui avevo determinati problemi, come tutti del resto. Però non mi rassegnavo al fatto che un problema si ripresentava spesso, non mi rassegnavo al fatto che ci sono molti problemi che non si possono risolvere, o almeno così pensavo. Ho iniziato a indagare attorno a questi aspetti grazie soprattutto ad una lettura, che è stata la prima in questo campo, che consiglio anche a voi e che ha dato il la al nuovo canto della mia vita che è il libro Fai luce sulla chiave di Umberto Santucci. Leggetelo anche voi perché spesso accade che si danno soluzioni sbagliate a problemi mal definiti. Ho scoperto che i problemi spesso non riusciamo a risolverli solo perché non ne abbiamo individuato gli elementi di base, non abbiamo capito qual è il vero problema che il più delle volte non è quello che appare di primo acchito, specie quando si è sotto stress. Ho iniziato, quindi, a scrivere le scoperte che man mano facevo nel mondo del problem solving, le tecniche che applicavo, i problemi che risolvevo, con entusiasmo. Infatti, una volta che ho cominciato a liberarmi dalla zavorra, dai pesi, da situazioni che mi opprimevano, mi sentivo libero, entusiasta, sentivo di dover raccontare qualcosa al mondo. E quindi nel mio blog trovate tutto questo: oltre alle scoperte e ai successi e agli insuccessi, altre letture che ho fatto nel tempo e altro ancora.

Più di recente m'imbatto, invece, in Giacomo Bruno, il papà degli ebook, il fondatore della Bruno Editore, casa editrice di ebook specializzata nella crescita personale. Guardo i suoi video che raccontano una rivoluzione nel mondo dei libri online. Lui e i suoi collaboratori stanno davvero cambiando non poco questo settore grazie alla formazione di scrittori di bestseller. Io ho fatto un pezzetto di strada insieme a loro, all'inizio, nel Gennaio di quest'anno, e a parte Giacomo, ho potuto conoscere diversi promettenti scrittori e formatori. Consiglio anche a voi, se state pensando di fare un percorso di questo tipo di iscrivervi a Numero1. Grazie a Giacomo Bruno capisco di avere già scritto il mio ebook, io che tanto mi preoccupavo di non avere niente tra le mani e di doverlo scrivere. Dov'era, quindi, questo ebook? Era nei post del mio blog. Ho capito che dovevo raccoglierli, ricucirli, amalgamarli, sviluppare alcune parti e tagliarne altre. Il mio libro ce l'avevo già tra le mani, dovevo solo fare un lavoro di edizione.

Una domanda che mi sono fatto mentre compivo questo lavoro era: a chi devo rivolgermi? Chi saranno i lettori? In parte potevano essere i lettori dello stesso blog e che avevo cominciato a fidelizzare grazie alla newsletter. Quest'ultimo è però uno strumento un po' datato. Quel che occorre è la Lead Generation, cioè la generazione dei contatti. Un lead è una persona interessata a un prodotto o a un servizio. Per fare questo dobbiamo averne i recapiti e conversare per ottenerne feedback, per formarla e per convertirla in cliente. Bisogna avere una lista di contatti perché come dicono gli americani Money is in the list: il denaro è nella lista. Una volta si diceva "individuare il target". Il target però oggigiorno è un po' troppo generico. Molto meglio individuare le Buyer Personas, i profili delle persone che compreranno prodotti e servizi. Si tratta di un micro-target: bisogna essere più specifici, chirurgici. La domanda "a chi rivolgersi", comporta una seconda domanda: che problemi posso risolvere alle persone? A cominciare dalle nostre cerchie più strette: i nostri familiari, i nostri amici, i nostri contatti online. Tutti costoro che problemi hanno? Cosa possiamo fare? Bisogna prima partire da qui e poi pensare alla "roba" da vendere. L'errore di tanto marketing tradizionale è quello di pensare prima al prodotto e poi cercare di posizionarlo. Questo era un approccio già sbagliato prima dell'era digitale, figuriamoci oggi!

Una volta individuate le Buyer Personas, a proposito delle quale vi consiglio l'ottimo libro di Massimo Petrucci Lead Generation, a me è venuta l'idea di creare un sondaggio per lanciare il mio ebook. Pensavo che già altri lo avessero fatto e che ne avessero parlato online. Infatti il primo passo è stato quello di scrivere su Google "Come lanciare un ebook con un sondaggio" ma non ho trovato risultati. Allora ho pianificato da solo tutto il necessario. Prima di tutto ho creato le copertine da far scegliere. Il tool, lo strumento che ho utilizzato io, è Canva che vi permette di fare grafiche eccellenti anche se, come me, non ci capite niente. Ci sono, infatti, tutta una serie di layout già realizzati e impostati da personalizzare. L'immagine in alto di questo post, ad esempio, l'ho creata proprio con Canva. Una buona alternativa che ho scoperto di recente grazie a Robin Good, alla cui newsletter vi consiglio di iscrivervi, è adazing.com. Questo tool online è ancora più specifico perché si occupa solo di copertine di ebook.

Una volta create dalle 3 alle 5 copertine (non date troppa scelta!) occorre pensare ad un modulo per il sondaggio attraverso il quale le persone possono votare la preferita, lasciare il loro feedback e la loro email. Non dimenticate l'obiettivo: la lista contatti. Io in questo caso ho usato Google Documenti. Se non avete già un account gmail apritelo e usate le app a disposizione, tra cui i moduli. Altrimenti le alternative possono essere o Survio o Wufoo. Una volta che avete le copertine e il sondaggio pronto fate dei test e verificate che funzioni tutto e che si veda bene su pc, tablet e smartphone.

A questo punto occorre pensare al post attraverso il quale promuovere il sondaggio. Si potrebbe pensare anche di utilizzare Facebook Ads facendo un'inserzione che punti al modulo come landing page. Io, però, ho scelto di non farlo perché per me è un passo successivo. In una prima fase m'interessava avere il feedback dei miei amici e iniziare a verificare le reazioni dei miei contatti. Si tratta anche di una questione economica: prima di spendere soldi è bene capire come può essere accolto o meno un progetto. Per creare un buon messaggio dovete usare delle leve. Un ottimo libro per capire come scrivere un messaggio che spacca è quello che ho già citato: Lead Generation di Massimo Petrucci. Le leve che ho utilizzato io sono state due: il dare qualcosa in cambio (una legge fondamentale della persuasione) e cioè l'ebook gratis e i tempi brevi: dai 3 ai 5 giorni al massimo per votare. Se non create urgenza alle persone un po' tutti tendiamo a rimandare e a procastinare. Quando parlo di ebook gratis non significa che lo state buttando via, che lo state tirando appresso alle persone. Dovete spiegare bene che state facendo un'offerta di valore: gli state dando qualcosa che risolve questo o quell'altro loro problema in modo chiaro,efficace, semplice. Offrite loro storie vere di successi e insuccessi che siano da monito.

Una volta costruito il messaggio occorre postarlo su Facebook, Twitter, Likedin e altri eventuali social network a cui siete iscritti. Prima ancora di pubblicare il tutto però dovete essere preparati a conservare le email che raccoglierete, farne una lista e iniziare a scrivere loro per avviare un nuovo percorso con l'aiuto di un autorisponditore. Per fare questo potete utilizzare Getresponse, che io trovo molto completo, e Mailchimp. Getresponse è a pagamento però prevede un primo periodo di prova di 30 giorni. inoltre se accedete da questo link avrete 25 euro per iniziare a usare la versione pro. Approfittatene subito! Finito il sondaggio dovete iniziare a comunicare con i lead che avete generato: dovete dare i risultati del sondaggio, con un commento da parte vostra, notizie su come procede la scrittura del libro, quando lo consegnerete (se avete promesso di permettere il download gratis non potete farli aspettare tanto tempo). Potete anche iniziare a parlare un po' dei prodotti e servizi legati al vostro ebook ma non in un'ottica di vendita bensì di formazione dei vostri potenziali clienti, almeno per il momento. Giacomo Bruno che ho già citato prima, a questo proposito ha scritto un ottimo libro che vi spiega l'approccio migliore che potete avere: Marketing Formativo.

Una volta che io ho pubblicato il mio sondaggio ho scoperto che alle persone piace molto scegliere, partecipare se le azioni sono semplici e chiare e ricevono almeno un riconoscimento. Io ho avuto molti più lead di quelli che speravo all'inizio. Ho quindi iniziato a scrivere a queste persone, prima ringraziandole e poi dando loro pillole di Problem Telling. In questo modo sono riuscito fin da adesso a fare un'ottima promozione del mio libro senza spendere un centesimo e sono riuscito ad avere una prima importante lista di contatti. Ora il prossimo passo sarà la promozione con Facebook Ads per la quale investirò ma lo farò a ragion veduta. Più di qualcuno mi ha anche scritto chiedendomi come ho ideato e realizzato il sondaggio e questo post l'ho scritto soprattutto a loro beneficio.

Mettetevi ora stesso all'opera, create il vostro sondaggio e scrivetemi pure per ogni evenienza e non dimenticatevi di dirmi com'è andata, mi piacerebbe raccogliere delle case history.

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Come lanciare un ebook con un sondaggio

  1. Giuseppe

    Articolo molto interessante ed esaustivo. Giacomo Bruno è un "mostro sacro", se così si può dire, di questo settore. Anche io ho letto il suo Marketing Formativo. Complimenti!

    Rispondi

Rispondi