Vai al contenuto

Il film aziendale: cos’è e perché realizzarlo

Il primo elemento di comunicazione

Qual è la prima cosa che i vostri clienti notano nella vostra azienda? Qual è il vostro biglietto da visita? Come si presenta l'azienda agli occhi dei vostri clienti? Qual è il primo elemento che impatta sulle persone? Può essere sicuramente l'aspetto, il vostro marchio logo, la pubblicità che va in televisione o sul web, la facciata, il capannone della vostra azienda, il furgone e così via. Cioè ci sono tutta una serie di particolari che possiamo ricondurre al Visual Storytelling, che è il modo in cui la vostra azienda si racconta visivamente ancor prima di avere a che fare, di interloquire direttamente con un cliente. Ci sono peculiarità che impattano su di lui, che gli comunicano qualcosa e fanno sì che il vostro brand si sviluppi, entri quindi nella considerazione delle persone oppure no. Da questo punto di vista cosa c'è di meglio di un film aziendale perché le persone possano fare una esperienza immersiva nella vostra azienda: un'esperienza in cui tutti i sensi o quasi sono sollecitati.

Che cosa non è

E quindi qual è quell'esperienza che in maniera più profonda di altre può comunicare la vostra azienda? Il film aziendale. Ora innanzitutto va specificato che cosa non è. Non è lo spot ad esempio di 30 secondi che noi possiamo vedere su un canale televisivo oppure su YouTube o su altri canali di distribuzione. Non è un film che va al cinema o in tv o come ad esempio Il diavolo veste Prada. No, quella è una vera e propria produzione cinematografica per quanto abbia direttamente a che fare con un brand. Qui ci riferiamo a un'altra cosa ancora. Non è neanche l'utilizzo formativo di scene di film per il team building ad esempio o per obiettivi simili. Quindi, stanato il campo di ciò che il film aziendale non è inquadriamo ora il tipo di produzione di cui stiamo parlando. Innanzitutto il film aziendale, dal punto di vista di come si presenta, è di sicuro un video aziendale anche se è molto di più di questo. Si tratta di una vera e propria produzione su commissione, realizzata da esperti in narrazione per immagini che conoscono bene anche la comunicazione aziendale e lo storytelling.

Esempio 1

Dopo aver introdotto l'argomento possiamo vedere un esempio  qui di seguito.

Come si può notare è sottolineata la componente emotiva, persino epica di una semplice giornata legata al prodotto di cui qui si vuole parlare, in questo caso le pompe, con tecniche di ripresa degne dei migliori film. L'asset della Grundfos, l'azienda produttrice, arriva dritto nei cuori persino di chi non ha alcun interesse per questi marchingegni. Ma qui ne capisce l'importanza. C'è poi tanto spazio per la storia dell'azienda in cui sono tra l'altro efficacemente riproposti vecchi filmati. Degna conclusione poi del filmato è la vision dell'azienda

A chi si rivolge

Vediamo adesso a chi è diretto un video come quello che possiamo guardare nell'esempio appena citato. È destinato alla formazione dei dipendenti ad esempio. Proprio perché un dipendente abbia bene in mente qual è la mission, affinché la faccia sua e sia coinvolto al massimo. È destinato anche ai clienti perché ad essi racconta l'azienda sotto la migliore luce possibile cioè dal punto di vista proprio della sinestesia, del coinvolgimento di più sensi. Il film aziendale viene spesso utilizzato anche per il lancio di nuovi prodotti al di là dello spot. Quest'ultimo può essere visto come la punta di diamante della comunicazione visibile a tutti. Magari il film aziendale ha meno visualizzazioni ma comunica in maniera più profonda e più attenta una serie di aspetti che lo spot per varie ragioni, prima di tutto legate al tempo, non può comunicare. Il film aziendale può essere anche destinato agli investitori che devono mettere dei capitali rispetto ad un progetto piuttosto che ad un altro e si sa quanto in questo oltre la razionalità anche le emozioni giocano un ruolo davvero importante.

Caratteristiche

Ora chiarito che cos'è un film aziendale e a chi è rivolto vediamo di capire quali sono le sue caratteristiche. Innanzitutto nel film aziendale si dà molto spazio alle emozioni, come abbiamo appena detto, che hanno la parte principale di una buona comunicazione. Tutta la retorica antica, al di là delle figure retoriche e al di là della tecnica, in realtà fa leva soprattutto sulle sensazioni di chi ascolta. Se un film aziendale riesce a smuovere alcuni sentimenti a una vendita piuttosto che ad una presentazione o altro ancora ha raggiunto bene il suo obiettivo. L'altra caratteristica fondamentale di un film aziendale è che deve rispettare, anzi deve valorizzare la grammatica cinematografica che è l'arte maestra nella comunicazione attraverso gli aspetti visuali. Un'altra caratteristica importante è che deve coordinarsi con quello che che è il Visual Storytelling dell'azienda: cioè deve permettere una esperienza immersiva nel brand. Quindi è importante anche che ci sia una narrazione coordinata con tutti gli altri aspetti dell'azienda: coordinata con quello che il suo marchio logo, con la sua Mission, ecc. Dobbiamo avere la percezione di come sia ben connaturato con l'azienda stessa, di come nei veicoli tutti i valori fondamentali nel modo più coerente, chiaro e preciso possibile.

Esempio 2

In quest'altro esempio abbiamo l'utilizzo di un plot e di un attore. C'è, cioè, una storia e un attore-protagonista attorno al quale si dipana tutta la comunicazione.

Perché farlo

Vediamo ora perché realizzare un film aziendale. Innanzitutto perché da questo punto di vista noi tutti conosciamo non solo il potere delle immagini, che è ben superiore rispetto ad altri tipi di comunicazione ma sappiamo anche come oggi per i clienti sia nel business to business sia nel business rivolto ai consumatori la parte amusement, diciamo così, sta diventando sempre più richiesta, sempre più importante, sempre più coinvolgente. Il film aziendale se ben costruito riesce a soddisfare anche questo bisogno fondamentale del cliente. È come se l'azienda fosse in qualche maniera una piccola casa di produzione cinematografica e quindi deve auto-distribuirsi sul mercato e imparare a comunicare anche attraverso i video, attraverso la visual storytelling. L'altro motivo fondamentale è perché Google ama i video. Basta fare qualche ricerca, immettere una chiave per vedere come spesso tra i primissimi risultati vengono inseriti anche i video che compaiono su YouTube. Facebook, a parte lo sviluppo delle dirette, dà sempre più spazio ai video. Altra questione di una certa importanza è che gli utenti amano condividere dei video se ben fatti, se raccontano qualcosa, se divertenti per quanto veicolino una comunicazione commerciale rispetto alla quale magari gli utenti sono sempre più disincantati ma se gli esperti che ci lavorano ci sanno fare, se la sceneggiatura è buona e se la storia è ben confezionata le barriere si abbattono negli utenti sia nell'utilizzo online sin in quello offline. Spesso un buon film aziendale è una gran bella produzione da portarsi altrove presso business conference, presso le fiere e via dicendo. Un punto da non trascurare per cui fare un film aziendale è che controllando poi i risultati, le statistiche, si possono poi coordinare sempre meglio le successive produzioni. Una volta entrati nell'ottica della pubblicazione video il film aziendale è il punto di partenza di una strategia di comunicazione visual.

Esempio 3

In questo terzo esempio, molto più breve degli altri, abbiamo un'efficace narrazione dei campi di attività dell'azienda con una tecnica molto particolare.

Come realizzarlo

Una volta che abbiamo capito perché realizzare un film aziendale ora vediamo qualche aspetto riguardo al come realizzarlo, come si arriva a produrlo. Innanzitutto vengono stabiliti quelli che sono gli obiettivi di marketing dell'azienda, vedendo di essere molto precisi e chiari dandosi una tempistica ben stabilita . È importante anche che si tratti di obiettivi che stanno sul mercato e da questo punto di vista il team di sviluppo del film lavora a stretto contatto con il reparto marketing. Da esso vanno acquisite tutte le informazioni e i materiali necessari sotto tutte le forme possibili. Qui c'è poi la fase creativa, di scrittura della sceneggiatura durante la quale viene anche stabilito il tipo di film aziendale da produrre e la sua durata. Una volta avuta in mano c'è la fase di produzione da distinguere nelle classiche tre sotto-fasi e cioè la pre-produzione che è la preparazione tutto ciò che è necessario poi allo shooting che concerne la produzione vera e propria, il periodo di tempo in cui il film viene girato, e poi c'è la fase di post-produzione con montaggio in cui si aggiungono i titoli di coda e di testa. Poi c'è il lancio vero e proprio del film aziendale che va fatto secondo una strategia ben precisa tornando ancora una volta a lavorare a stretto contatto con il reparto marketing. Una volta che è stato lanciato non finisce di certo qui perché c'è tutto l'aspetto che riguarda il monitoraggio come dicevo prima e cioè le statistiche ci permettono di avere tutte quelle informazioni per produrre video successivi o magari anche nuovi film aziendali che migliorino questo o quell'altro aspetto che ci sta più a cuore.

Azione!

E voi, ce l'avete una strategia visual? Avete dato spazio all'asso nella manica che è il film aziendale? Io e i miei collaboratori saremmo ben lieti di chiarire i vostri dubbi. Basta scrivermi.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi