Vai al contenuto

1

creatività e pensiero laterale tra scuola e lavoro

Guestpost di Rossana d’Ambrosio Scrivi anche tu il tuo guestpost.

Che cosa si intende per creatività?

La creatività può essere intesa come la capacità di trovare soluzioni nuove e originali a determinate problematiche in diversi ambiti.
La creatività è applicabile ovunque, dalla ricerca di soluzioni per i piccoli problemi quotidiani, all’arte, alla medicina, al problem solving nella gestione aziendale.

A che cosa serve la creatività?

Evoluzionisticamente parlando la creatività di pensiero ha certamente favorito le persone più portate a trovare soluzioni ad affermarsi sulle altre.
È evidente che la capacità di risolvere i problemi abbia giocato un ruolo determinante sulla sopravvivenza attraverso il superamento delle difficoltà, mettendo in pratica una serie di astuzie su come proteggersi dai pericoli, su come procurarsi il cibo, su come realizzare una dimora sicura, etc.
Invece parlando di creatività artistica, quella che ha portato l’uomo ad esprimersi con il disegno, la pittura, la scultura, la musica, la danza, possiamo dire che la molteplicità di questi linguaggi abbia contribuito a creare un substrato culturale, un collante sociale, utile per aggregare, per favorire la condivisione e la solidarietà.
Inoltre non va sottovalutato l’aspetto di gratificazione sotto il profilo psicologico individuale. In definitiva, alla domanda “a che cosa serve la creatività?” possiamo rispondere “serve a vivere meglio perché ogni atto creativo offre gioia e gratificazione”.
Le emozioni positive agiscono come propulsore benefico, come attivatore di endorfine (in grado di lenire il dolore e abbassare il livello di stress).
I benefici si riscontrano in particolare sul fronte psicologico, ma non solo. Infatti, i benefici si riverberano anche sulla salute fisica come ci insegna la PNEI (scienza che studia il rapporto mente/corpo considerando l’apparato Psico-Neuro-Endocrino-Immunologico come un tutt’uno). ...continua a leggere "Creatività e pensiero laterale tra scuola e lavoro"

Questo è un guest post. Anche tu, se vuoi, puoi scrivere un tuo articolo per questo blog.

Per rispondere alla domanda “Perché il visual marketing è importante?” dobbiamo partire innanzitutto dalla parola marketing.

Qual è il suo significato?

Il termine deriva dall'inglese e, più precisamente, dal verbo to market, il cui significato è “mettere sulla piazza”. La parola si lega poi strettamente al sostantivo market che significa “mercato”. A partire da questi termini e dai loro significati possiamo capire che cosa vuol dire marketing: fare attività commerciale, scambiando beni tra chi offre e chi cerca. Se volessimo riassumere in un solo termine, direi che marketing significa commercializzare.

Questa definizione è estremamente sintetica, perché nella realtà il termine marketing comprende ben altro, in quanto non riguarda la sola azione di vendere, ma comprende anche tutta una serie di azioni sociali quali l'interazione con le persone e il loro ascolto, la comunicazione con i clienti e con chi ruota attorno all'attività ed anche la trasmissione di valori, poiché offrire un bene, di qualunque natura sia, porta con sè determinate visioni, pensieri e punti di vista (ad esempio, penso al commercio di prodotti solidali).

...continua a leggere "Perché il visual marketing è importante?"

Questo è un guest post. Anche tu, se vuoi, puoi scrivere un tuo articolo per questo blog.

1

Guest post di Manlio Castronuovo, consulente di direzione Partner.it.

Nei miei venti anni di esperienza online (di cui si è parlato nel precedente post n.d.r.) , una cosa (credo) di averla capita: non è sufficiente essere bravi negli aspetti operativi e quindi saper utilizzare Google AdWords per portare traffico sul proprio sito ottimizzando il costo per click. Oppure essere i numero uno con Facebook Adv e collezionare vagonate di “Mi piace” o visite al proprio sito. O, ancora, essere il mago del remarketing e rincorrere il cliente che alla fine si pentirà di aver fatto click su un annuncio della vostra azienda, a fronte dei pochi che finiranno con l’acquistare il vostro prodotto.

E non è neanche la bravura tecnica a fare la differenza. Un sito tecnicamente ben fatto, veloce, con una bella grafica e soluzioni di design alla moda può rendere la navigazione più piacevole ma non può sostituirsi a quello che è il cuore dell’ecosistema della rete: i contenuti.

...continua a leggere "Internet non è un canale ma un mercato"

Questo è un guest post. Anche tu, se vuoi, puoi scrivere un tuo articolo per questo blog.

Buttati che è morbido.
Buttati che è morbido. Disegno di Angela Rubino.

Perché dell’immagine si dovrebbe farne una quiete. Perché delle fate non se n’è mai vista l’ombra, se non solo sotto l’estasi di un bianco veneto mattutino. Perché in lingue più tirchie, la parola "perché" cambia, se accompagnata a un punto interrogativo?

Comincia così un bel post della mia amica artista Angela Rubino, autrice anche della vignetta, che ha scritto nel suo profilo Facebook e nel quale ha avuto la bontà di citarmi. Infatti più volte mi ha sollecitato ad usare un suo testo comico o a fare qualcosa con lei visto e considerato che l'ho conosciuta anche come valente attrice-improvvisatrice. Ve lo propongo perché con diletto, divertendoci, Angela ci parla di molti perché che sarebbe meglio non evitare in questo Natale.

Ma soprattutto perché mi fate gli auguri per il 25 dicembre? Non sono stata incoronata regina con Carlo Magno, tantomeno ho partorito essendo vergine, ma solo avendo un Vergine accanto (suo marito fa Vergine di cognome n.d..r.) e ricordo che quel giorno faceva un grande caldo, era luglio e tra le corsie dell’ospedale si sentivano televisorini echeggiare parate di mondiali di calcio così indimenticabili da far rabbrividire i mercanti sferici di palle lanciate dalle bocche durante i dopo partita. Perché dopo un estenuante tour di regali per convenzione, perché mi sento esausta? Perché la commessa della profumeria dopo che le ho precisato di non avere più polsi disponibili, continuava a spruzzarmi essenze alcoliche fino a rendermi simile a una zoccola di un saloon appena uscita da uno spaghetti western. Perché Giuseppe Vitale non considera questo? Perché questo crescendo teatrale potrebbe essere uno spunto per farne una sua interpretazione comica. Succede perché non si trova più neanche un barattolo di miele di acacia o di castagne il giorno della vigilia di Natale e tocca caramellare le cartellate col millefiori. Perché se al salumiere chiedo di fare un panino per il ragazzo senegalese che sta fuori dal supermercato, mi sento attorniata da sguardi increduli, non tanto per l’acquisto, ma per il fatto che abbia fatto la fila al bancone per questo. Ma soprattutto, perché il salumiere gli ha messo il prosciutto nel panino? “Mi scusi, mettiamo che è musulmano”. “Ormai l’ho fatto signò, perché?” Niente, non dico niente, perché nel frattempo uno accanto mi dice: “Se stanno qua, si devono adeguare”, ancora, “Perché se hanno fame, non devono pensare alla religione”. Buon non so perché.

Enhanced by Zemanta