Epitaffi E Necrologi

LOGO-PROGETTO-ORAZIO

E il discorso richiesto è uno che elogerà adeguatamente i morti ed esorterà gentilmente i vivi, facendo appello ai loro figli e ai loro confratelli affinché imitino le virtù di questi eroi e offrendo consolazione ai loro padri, alle loro madri e ad ogni loro avo superstite (Platone).

Funeral_de_kirchner_desde_arriba

Che cos'è un'orazione civile

Un'orazione civile è un breve discorso che viene pronunciato dai familiari o amici di un defunto oppure da una persona che si prende l'incarico di farlo in vece loro, in special modo laddove il coinvolgimento emotivo del momento non consente di esprimersi con il minimo di distacco necessario. Di solito avviene subito dopo la celebrazione (se cattolica) o durante il funerale civile laico.

 

Perché far tenere un elogio funebre

Questo tipo di discorsi, conosciuti come epitaffi, erano piuttosto diffusi in epoca antica. Ancora oggi in molte occasioni, specie dopo la morte di eminenti personalità vengono tenuti e talvolta pubblicati dei discorsi che ricordano la loro vita. Celebri sono stati, ad esempio, gli elogi pronunciati da Alberto Moravia dopo la morte di Pier Paolo Pasolini o di Nino Taranto durante i funerali di Totò.

Ciascuno merita non solo il ricordo del suo operato in vita ma anche la narrazione delle virtù che siano semi di condivisione per tutti. Intendiamo questo importante momento come l'affidare il seme, il senso di un'esistenza, alla buona, fertile terra dei cuori di tutti coloro che hanno percorso un pezzo di strada con la persona alla quale si sta dando l'ultimo saluto.
Una ragione molto importante, dal punto di vista psicologico, per far tenere un discorso in queste occasioni è legata all'elaborazione del lutto e quindi al ritorno alla vita di tutti i giorni dopo un evento doloroso. Sotto questo aspetto la narrazione, la storia, del compianto, sebbene appena tratteggiata, diventa un primo efficace strumento.

 

Modalità di svolgimento

Appena terminata la funzione, l'oratore, accanto alla salma, leggerà un breve testo di encomio dell'estinto scritto, se possibile, dai suoi parenti e amici o terrà un breve discorso, a seconda delle circostanze, che realizzerà ricostruendo fasi salienti della vita e doti particolari della persona deceduta. Infine inviterà i presenti a seguirne l'esempio e a portarne a compimento l'opera.
Per poter fare questo già durante le prime fasi di organizzazione del funerale il personale di agenzia funebre provvederà a formulare alcune domande a parenti e amici per rilevare le informazioni necessarie. I punti da mettere in evidenza riguardano i sacrifici e gli sforzi che ha fatto il caro scomparso, i risultati ottenuti, gli episodi più importanti e i suoi insegnamenti. Potrebbe esser necessario, a tale proposito, visionare filmati e album di foto come anche eventuali scritti del defunto e post sui social network. Si cercherà di capire qual'era il suo carattere, le sue qualità, i suoi pregi, la sua disponibilità verso gli altri.