6

Words Have Power
Credit: Pixabay.

Che anno desiderate? Che obiettivi volete raggiungere? Su quali aspetti dl vostro business, lavoro o vita lavorerete per diventare persone migliori? Queste sono tre domande potenzianti, positive alle quali dar risposta con la mente e con le nostre azioni quotidiane per fare del nuovo anno, appena cominciato, il punto di svolta, di progresso della vostra vita. Parleremo di questo argomento in questo blog in prossimi post che esploreranno vari aspetti della crescita personale. Prima però vi ripropongo un gioco che ormai faccio dal 2014 con i lettori del blog e cioè la scelta di tre parole che vi facciano da principio-guida nelle vostre scelte, nelle vostre decisioni e, prima ancora, nei vostri pensieri. Devo questa iniziativa a Daniele Imperi che, ancor prima di me, ne ha fatto un appuntamento fisso. Perciò non mancate di leggervi le sue 3 parole per il 2017.  Io nel primo anno vi ho parlato di tre parole da rubare quali viaggio, memoria e refurtiva. L'anno successivo è stata la volta di tre termini tutti con la emme iniziale e cioè: mastello, mamma e mezcla. L'anno scorso, infine, ci siamo concentrati su exquirere, kaizen e akasha. E quest'anno, invece? Quali sono le scelte per il 2017?

...continua a leggere "Tre parole per il 2017 dal dizionarietto di De Mauro"

5

Mind Mapping
Mind Mapping. Keith Davenport.

Le Mappe mentali e le mappe concettuali sono due forme di rappresentazione grafica del pensiero. Le mappe mentali sono una creatura del cognitivista inglese Tony Buzan, a partire da alcune riflessioni sulle tecniche per prendere appunti. Le mappe concettuali sono state messe a punto, invece, da Joseph Novak, negli anni '70, come strumento di valutazione.  Spesso vengono confuse le une con le altre ma è bene far chiarezza per valorizzare le loro rispettive potenzialità. Per fare un esempio mischiereste i colori ad olio con gli acquarelli per fare un quadro? La risposta è sì se vi piace sperimentare tecniche nuove, mai viste prima, con tutto il rischio che però il risultato sia informe e deludente. La risposta è no se avete in mente di utilizzare una o tutt'e due le tecniche con precisione.

Esse differiscono in più di un punto tra di loro, quindi più che di differenza tra una tecnica e l'altra bisogna parlare al plurale, di differenze. Eppure digitando questo argomento su google, il motore di ricerca mi suggerisce il singolare, segno che la maggioranza delle ricerche sono state fatte al singolare. Si vede che chi ne vuol sapere di più crede che ci sia una sola differenza. Ma non è così. Ve ne sono diverse e in questo blog un po' alla volta ve le illustrerò tutte. Oggi cominciamo con la prima grande differenza, quella più lampante. Delle altre parlerò nei prossimi giorni.

La prima grande differenza salta agli occhi guardandole. Basta confrontare una mappa concettuale con una mappa mentale. In quest'ultima si vedono subito l'utilizzo di colori, disegni, enfatizzazioni del testo, struttura gerarchica di quest'ultimo: tutti questi elementi mancano nelle mappe concettuali mentre abbondano in quelle mentali. La mappa mentale è infatti concepita per darci un'immediata fotografia di una situazione, di un pensiero, di un'idea e così via. La mappa concettuale è invece un disegno che ha bisogno di più tempo e di un po' di analisi per essere afferrata. La mappa mentale, dunque, si fa afferrare al volo e non è un caso se è un'ottima tecnica di memorizzazione mentre quella concettuale mira di più all'analisi di un fatto, di una domanda, ecc.

Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi saperne di più? Puoi visitare la pagina dedicata al pensiero visuale. E puoi anche partecipare ad un workshop di mind mapping. Appuntamento a domani con il post sulle logiche delle due mappe.

Enhanced by Zemanta

Planning with a mind map
Planning with a mind map (Photo credit: giuseppevitale)

Propongo oggi due post tutti da leggere, ma soprattutto da vedere, sull'argomento mappe. I primi due sull'uso delle mappe per visualizzare la geopolitica e l'ultimo su un un corso per formatori e docenti sulle mappe mentali e sulle mappe concettuali (da non confondere le une con le altre). Quindi da una parte abbiamo quella che Lucio Caracciolo, direttore di Limes, chiama Geoarte e dall'altra due potenti strumenti di rappresentazione grafica del pensiero che sono le mappe di Tony Buzan (le mappe mentali) e le mappe di Joseph Novak (le mappe concettuali). Ma vediamo nel dettaglio i due link.

  1. Il primo è un'intervista a Laura Canali, cartografa di Limes, che sta esponendo cinque suoi lavori fino al 24 giugno al MAXXI nell’ambito del progetto Le frontiere come ferita, una riflessione sui confini geografici, culturali, etnici e mentali.
  2. Il secondo link è una segnalazione di Umberto Santucci, consulente di problem solving strategico, a proposito di una mappa interattiva della recessione in Europa. Il funzionamento della mappa viene spiegato nel post di Umberto.

E tu hai dimestichezza con le mappe geografiche? E con gli altri tipi di mappa? Le usi mai nel tuo lavoro?

Enhanced by Zemanta