Vai al contenuto

1

Nicola e Carrisi
Nicola (a sin. Lucas Waldem Zanforlini) e Carrisi (a des. Giuseppe Vitale) in Tutta la musica del cuore.

Ci vediamo alle nove e trenta amici. Di quale nove e trenta sto parlando? Parlo prima di tutto di un appuntamento con la vita, l'ultimo anno prima di iscriversi al club degli 'anta. Oggi, 15 febbraio 2013, compio trentanove anni. E in greco trentanove si dice appunto nove e trenta. Questo mi permette allora di ricordarvi un altro appuntamento, questa volta televisivo, che va in onda la domenica e il lunedì intorno alle 9:30 della sera. Sto parlando della miniserie Tutta la musica del cuore, di cui domenica 17 ci sarà la quarta di sei puntate e nella quale sono il bidello Carrisi. A proposito di televisione, poi, il trentanove  è il numero atomico dell'ittrio che si usava per i fosfori rossi dei vecchi tubi catodici. E anche se questi apparecchi non si producono più oggi mi sento televisivo e mi auguro che in questo mio nuovo anno di vita, che inizia oggi, di avere altre occasioni per fare buona televisione. Mi auguro di far compagnia agli italiani, di farli sentire a casa, come sentono il sapore di famiglia e di casa gli italiani all'estero o chiunque chiami in Italia e deve anteporre il +39 al numero da comporre. Oggi vorrei essere in ogni abitazione, negozio, edificio come anche per strada ed essere amico di tutti, ma proprio di tutti. E dare a ciascuno la certezza di un appuntamento, come si faceva ai vecchi tempi senza rete e senza cellulari, alle 9 e 30, così per bere una birra, per chiacchierare, per raccontarci la vita. Mi auguro in questo mio trentanovesimo anno di vita di poterlo fare con quanti più amici è possibile.

Taccuino, sceneggiatura e ginseng.
Taccuino, sceneggiatura e ginseng. Preparando un provino al tavolino di un bar.

Hai mezzora o spesso neanche quella per preparare un provino su parte. Che cosa fai, rinunci siccome non hai il tempo di prepararti, magari con tanto di training autogeno, come vorrebbe il metodo Strasberg? A parte che io sono di una scuola opposta a questo tipo di training, che cosa fare in questi casi? Per me sarebbe da prendere e andarsene perché non si può recitare ciò che non si conosce. Serve tempo. Solo che tante volte non ce lo danno. Che facciamo?

...continua a leggere "Come preparare un provino su parte in mezzora o anche meno"

Ultima modifica il 2 febbraio 2013 alle 19:26

Zdenek Zeman
Zdenek Zeman (Photo credit: Wikipedia)

Il quotidiano Leggo, di ieri 31 gennaio 2013, riferiva di alcuni cambiamenti che Zeman avrebbe introdotto negli allenamenti della Roma, di cui è il coach, a seguito delle prese di posizione della società nei suoi confronti che non aveva gradito le sue esternazioni sulla mancanza di disciplina dei giocatori. Torneranno dei giocatori che non stava più schierando, gli allenamenti saranno meno duri, e ci dovrebbe essere più dialogo tra lui e la squadra. Chi conosce le formazioni di questo tecnico sa che esse, atleticamente, riescono ad arrivare alla fine del campionato con più birra delle altre. Proprio grazie al gran lavoro in allenamento. Che ne sarà di questo aspetto? Si potrà dire che ora è in secondo ordine rispetto al salvare la panchina? Molti sono i dubbi sul fatto che il boemo miri proprio a questo. Ha fama di uno che non cambia mai o quasi. La dirigenza gli avrebbe chiesto di essere meni guru e più allenatore, spingendolo così, tra l'altro, a rinunciare alle sue esternazioni. Vedremo quindi uno Zeman inedito da qui alla fine del campionato o sta cercando, piuttosto, di ricucire un deteriorato rapporto con alcuni giocatori? Dopo la partita con il Cagliari, che si giocherà stasera, tornerà quello di prima?

...continua a leggere "Zeman, il guru che si adatta per amore"