Vai al contenuto

1

Ultima modifica il 17 ottobre 2015 alle 14:06

Il bidello Carrisi
Il bidello Carrisi nella miniserie "Tutta la musica del cuore".

Ai fan della miniserie Tutta la musica del cuore, andata in onda su Rai Uno durante lo scorso inverno l'immagne qui accanto dovrebbe essere familiare. Si tratta del personaggio del bidello Mario Carrisi che è tra i cattivi del conservatorio di Montorso dove si vivono la maggior parte delle vicende. Voglio mostrarvi il "benvenuto" che dà ad Angela (Francesca Cavallin) al suo arrivo.  Mi sono divertito molto a fare il corrotto, l'infame in questa produzione, esperienza poi ripetuta per altri versi nel film Il sole dentro di Paolo Bianchini dove sono una sorta di scafista del calcio. Devo però dire di non prediligere ruoli da cattivo o da buono: mi piacciono entrambi.  Buona visione. Questo e altri video che mi riguardano sono disponibili nella Videogallery. Come vi è parso questo personaggio? Sono, secondo voi, riuscito a fare un buon lavoro?

1

Ultima modifica il 2 agosto 2013 alle 17:00

The Passage of Time
The Passage of Time (Photo credit: ToniVC)

Considero il tempo una risorsa molto importante. Ne ho un rispetto sacro. Chi mi conosce, per esempio, sa bene che è difficile che io arrivi in ritardo ad un appuntamento. Sono, poi, scrupoloso nel pianificare la mia agenda. Non tanto perché non mi piace perdere tempo ma piuttosto perché amo viverlo con la massima qualità. Conosco anche il valore delle improvvisate, degli eventi decisi all'ultimo istante e ai quali è bene ogni tanto lasciarsi andare. Ma il tempo resta un dono così prestigioso che ne ho un timore pudico. Anche laddove mi sembra di avere qualcosa che valga la pena condividere. Per questo sono piuttosto sobrio, per fare un altro esempio, nell'invitare le persone agli eventi attraverso Facebook. Limito le occasioni in questi casi. Spesso ricorro solo a qualche annuncio in bacheca. Questo non vuol dire che io non crei e non cerchi, in qualche modo, di condividere avvenimenti, manifestazioni, spettacoli nei quali sono coinvolto in prima persona o che mi sembra degno segnalare. Chi frequenta questo blog sa benissimo che è anzi l'argomento di cui parlo di più, amo raccontare i dettagli e dare delle anteprime. E continuerò sempre a farlo. Oggi voglio darvi due strumenti per condividere con facilità il vostro prezioso tempo con me se ne avrete piacere.

...continua a leggere "Condividete il vostro prezioso tempo con me"

Ultima modifica il 20 agosto 2018 alle 18:06

Blue goo - canon eos 550d
Blue goo - canon eos 550d (Photo credit: @Doug88888)

È domenica mattina. Siamo a luglio. In paese. Al bar. Dalla radio arriva la voce di Mina da giovane:

vedo
le mille bolle blu
e vanno leggere, vanno
si rincorrono, salgono
scendono per il ciel

Il flusso d'aria del climatizzatore mi fa pensare che il vento fuori tra le palme porti fresco. Come dove l'acqua è più alta. Anche se quando esci ti senti tagliare la pelle. Io, invece, vorrei restare nel blu.

...continua a leggere "Là dove l’acqua è più blu"

1

Ultima modifica il 15 maggio 2018 alle 18:02

The Goose That Laid the Golden Eggs, illustrat...
The Goose That Laid the Golden Eggs, illustrated by Milo Winter in a 1919 edition (Photo credit: Wikipedia)

Realizzare uno spettacolo teatrale è come portare al mercato tutto ciò che si possiede, magari la mucca di famiglia come nella storia di Jack, e ricevere in cambio una manciata di fagioli senza valore. Questo genere di attività è da sempre vista come infruttuosa, redditizia solo per pochissimi, rari e fortunati casi. Per la maggior parte delle compagnie, dei gruppi che fanno teatro per professione il fallimento è dietro l'angolo,  come nella compagnie girovaghe di un tempo spesso accompagnate dallo spettro della fame. Questa è però un'immagine romantica, un po' da cartolina, dello spettacolo. Se vi dicessi, per esempio, che nel primo semestre del 2012 il volume d'affari del teatro era in crescita insieme alla disponibilità di spesa del pubblico? E se aggiungessi che nello stesso periodo questo settore se l'è cavata meglio di quello cinematografico? Basta dare un'occhiata ai dati Siae per scrostare la patina di luoghi comune di cui il mondo dello spettacolo soffre. Non nego che il quadro generale, uno scenario di globale riduzione dei consumi,  è preoccupante ma ci sono alcuni segnali incoraggianti. Stabilito che con il teatro si può campare, anche più che bene, torniamo al nostro esordio: comunque spesso si investono tutte le risorse a disposizione con un alto grado di incertezza sull'esito finale. Nessuno può dirci se la nuova produzione piacerà e se avrà qualche replica.

...continua a leggere "Come fare del teatro la gallina dalle uova d’oro"