Vai al contenuto

2

Ultima modifica il 7 marzo 2017 alle 12:18

Ascanio Celestini
Ascanio Celestini (Photo credit: Zona Rebelde!)

Agosto 2003. Invito Daniela, che mi piace molto e che ho conosciuto a un corso di teatro ai Koreja a Lecce, a quello che secondo me è il miglior evento di quell'estate, qualcosa che non si poteva perdere: lo spettacolo Radio Clandestina di Ascanio Celestini al Melpignano Rock Festival. Prima, nel pomeriggio, c'è un incontro con dei musicisti e alcuni giornalisti in un frantoio sotterraneo, in paese. Con Daniela ci sediamo e ascoltiamo. Uno dei musicisti a un certo punto dice come Ascanio spesso si incanti in un loop, una ripetizione o, meglio, una serie di ripetizioni come succede nella musica a volte.  Quella parola, loop, viene fuori, salta, dalle mie poche conoscenze di informatica nella testa e da allora non mi abbandona come non mi lascia mai il pensiero di Celestini. La sua voce mi ipnotizza con le sue ripetizioni e le sue frequenze e, per fortuna mia, piace anche a Daniela: «è dolce e mi rilassa dice». Ho fatto bene ad invitarla e sarà contenta dello spettacolo, penso.  E poi lei ha lo stesso effetto su di me.

...continua a leggere "Ascanio in Loop"

Ultima modifica il 29 maggio 2018 alle 11:36

Come risolvere problemi con semplici disegni

Il pensiero visuale

Pensare con gli occhi

Il pensiero visuale può semplificarci di molto la vita, renderla più leggera, interessante, giocosa. Vi è mai capitato di avere un'illuminazione e abbozzarla sul primo pezzo di carta che vi è capitato tra le mani? Ogni giorno, ovunque, siamo di continuo bombardati da immagini. Eppure non sappiamo niente in proposito. Io ho dedicato, in questo mio blog, una pagina a questo argomento: Pensare con gli occhi. Essa parla  del rapporto tra le immagini e la risoluzione dei problemi e tra questi e l'apprendimento. Con poche semplici immagini, infatti, è possibile venire a capo di difficoltà che sembrano piuttosto complicate. Non è una magia ma è la semplice potenza di ciò che nel mondo anglosassone è chiamato visual thinking, il pensiero visuale appunto. Per spiegarvi cos'è non ricorrerò a parole e definizioni ma vi invito, intanto, a guardare il video qui di seguito.

Grazie al pensiero visuale con poche, semplici immagini, si possono risolvere problemi complicati. Condividi il Tweet

I moderni analfabeti

C'è un paradosso di cui dobbiamo subito occuparci.  A scuola ci hanno sfinito con la grammatica e la produzione di testi scritti mentre non sappiamo leggere e decodificare molte immagini. Vedo spesso persone che di fronte ad una mappa mentale rimangono smarrite, non capendo di cosa si tratta. C'è persino qualcuno che non sa usare le carte geografiche pur in giovane età. Nella nostra educazione, almeno parlo della generazione mia e cioè dei quarantenni di oggi, c'è quel che Eleonora Fiorani chiama il pregiudizio logocentrico di cui parla nel suo libro Grammatica della comunicazione. L'autrice dice che i moderni analfabeti sono coloro che non sanno leggere le immagini. Allora vale la pena leggere il suo libro per imparare a farlo, soprattutto il terzo capitolo dedicato al linguaggio dell'immagine.

I moderni analfabeti sono coloro che non sanno leggere una mappa. Condividi il Tweet

...continua a leggere "Il pensiero visuale ti semplifica la vita"

La befana
La befana (Photo credit: Simone Zucchelli {ZUCCSIM})

Cari amici teatranti o appassionati di teatro,
per questa Befana ho pensato a voi. Ho deciso di farvi un mio piccolo, personale pensierino. Ho raccolto tutti i post in cui parlo del teatro che vorrei, di come mi piace farlo, di come si potrebbe realizzarlo e li ho messi in unico testo in pdf che quindi potete scaricare così da leggere a schermo o stampare. Si intitola Le uova d'oro e le anime perse.  Le uova d'oro sono tutte le possibilità di fare ottimi e redditizi progetti con il teatro, nonostante le difficoltà. Le anime perse sono gli spettatori che gli attori, da novelli Caronte, conducono per mano dal tempo quotidiano al tempo dell'infinito, al tempo senza tempo.

...continua a leggere "Piccolo regalo della Befana per i lettori del blog"

3

Ultima modifica il 25 settembre 2018 alle 15:16

Three water
Three water (Photo credit: @Doug88888)

Mi è piaciuto molto il post 3 parole per il 2014 e quindi con grande piacere rilancio l'invito di Daniele Imperi a scegliere le mie tre parole che vi propongo. Lo faccio prima di tutto perché sono un'ottima chiave per pensare al nuovo anno che è appena cominciato e poi perché sono sicuro saranno un'ottima guida per voi lettori.  Vi stimoleranno a riflettere, a vostra volta, sui tre pilastri su cui reggere le vostre azioni e le vostre decisioni. inoltre alimenteranno le connessioni tra voi e me: avrete i tre rami del grande albero della nostra relazione a cui arrampicarvi o, almeno, a cui poter guardare.

...continua a leggere "Le tre parole da rubare nel 2014"

Ultima modifica il 22 settembre 2018 alle 8:14

New Year`s Morning
New Year`s Morning (Photo credit: ❀ღ Poetic Outlook (Anne))

Il 2013 è iniziato con la storia della mia guarigione dalla confusione. Non sapevo cosa fare, in che direzione andare, ogni passo che volevo compiere lo bocciavo subito perché mi sembrava sbagliato. Finché un saggio è riuscito a liberarmi. Ti consiglio di leggere questa storia perché potrebbe aiutarti molto.

...continua a leggere "Le tappe più belle del viaggio del 2013"