Vai al contenuto

Il regista dell’impossibile

Ultima modifica il 6 febbraio 2017 alle 13:04

Per Rubini Fellini era un mago, come abbiamo visto nel primo dei cinque post sulla regia che sto pubblicando nel mio blog. Il primo mago nella storia del cinema è stato Georges Méliès, una figura che mi affascina da quando ho iniziato a masticare cinema. Dopo la sua carriera da prestigiatore si dedicò ala settima arte riuscendo a fonderla con l’illusionismo in quel che si può considerare “il teatro dell’impossibile”. Per riuscirci usò tutto il repertorio delle tecniche che conosceva alla perfezione: apparizioni, sparizioni, ombre e proiezioni, simulacri. In quasi tutta la sua filmografia è alle prese con una serie di illusioni che scandagliano l'impossibile. Non è un caso se uno dei suoi maggiori capolavori si intitola proprio Viaggio attraverso l'impossibile. Qui Méliès compie un viaggio in cielo, sul sole e nelle profondità marine. Abbiamo allora, agli albori del cinema, un regista che si butta a capofitto nelle possibilità che la nascente arte gli fornisce. Come un bambino e il suo nuovo giocattolo. Usa l’apparecchio per le proiezioni che nel 1895 i fratelli Louis e Auguste Lumière pensavano che sarebbe rimasto nell’ambito scientifico in un modo nuovo e sorprendente, impensabile per l’epoca.

Oggi sulla scorta degli studi di Edward De Bono diremmo che Méliès è un mirabile esempio di pensiero laterale applicato allo spettacolo. Ci arriva attraverso la strada maestra dell’illusionismo che non si occupa di ciò che è impossibile fare, e a cui non c’è rimedio, ma di ciò che è impossibile pensare come scrive Matteo Rampin in Pensare come un mago (Ponte alle Grazie). In questo senso il regista francese è un demiurgo: adatta e inventa tutta una serie di tecniche e macchinari. Una definizione quella del regista demiurgo che Fellini amava come dichiarò in un'intervista a Giovanni Grazzini:

Il cinema è un modo divino di raccontare la vita, di far di far concorrenza al padreterno! (…) Per me il posto ideale, l’ho già detto tante volte, è il Teatro 5 di Cinecittà, vuoto. Ecco, l’emozione assoluta, da brivido, da estasi, è quella che provo di fronte al teatro vuoto: uno spazio da riempire, un mondo da creare.

Il cinema è una viaggio nell'impossibile a partire dal primo regista demiurgo: Georges Méliès. Condividi il Tweet

Anche se oggi ci appare rudimentale vale sempre la pena guardare le creazioni di Georges Méliès a partire dal già citato Viaggio attraverso l'impossibile del 1904.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi