Vai al contenuto

1

Father and son surf lesson in Morro Bay, CA

Guest Post di Manlio Castronuovo, consulente marketing della Partner.

Quando nel lontano 1995 effettuai il primo collegamento ad internet con lo storico provider Video On Line ammetto di aver provato un senso di frustrazione. Dopo intere giornate passate a provare a configurare il modem PCMCIA del mio portatile ed innumerevoli tentativi di connessione accompagnati dal sibilante suono della trasmissione dati (una specie di AfterGlow della tecnologia delle comunicazioni oggi riascoltabile utilizzando il fax) ero finalmente sulla home page di Video On Line… “e adesso che ci faccio?”.

In effetti, oltre al portale del provider non c’era molto altro. All’incirca 650.000 pagine web in tutto il mondo ed il concetto stesso di ricerca su web era agli albori: ricordo che i due strumenti per la ricerca, nati da pochissimo, erano WebCrawler (un motore di ricerca che inventò il concetto di indicizzazione delle pagine web) e Lycos un motore-portale (predecessore di Yahoo e tanti altri).

Di contenuti italiani ce n’erano davvero pochi e, soprattutto, in ambito aziendale la si riteneva fosse l’ultima moda per giovani smanettoni che avevano del tempo da perdere.

Capii che quella semplicità di presentazione delle informazioni, quella facilità di accedervi da qualsiasi parte del mondo e quella immediatezza nella fruizione dei contenuti avrebbero rivoluzionato il modo delle aziende di pensare al mercato e quindi di programmare il proprio marketing.

...continua a leggere "Il papà del web marketing: il marketing"

Questo è un guest post. Anche tu, se vuoi, puoi scrivere un tuo articolo per questo blog.

Ultima modifica il 12 luglio 2016 alle 14:19

Mercato di Napoli - 1970
Napoli (NA), 1970, Mercatino di Via Foria. Foto di Fiore Silvestro Barbato.

Dove sono i veri maestri del teatro? Dove sono quelli che hanno da insegnarci davvero qualcosa a proposito di questa antica arte? Ce lo racconta il regista Krzysztof Warlikowski nel suo messaggio per la Giornata Mondiale del Teatro che si celebra oggi, 27 marzo 2015:

I veri maestri del teatro è più facile trovarli lontano dal palcoscenico. E in genere non hanno alcun interesse per il teatro come macchina che replica convenzioni e che riproduce cliché.

...continua a leggere "I maestri del teatro sono al mercato"

Ultima modifica il 22 agosto 2016 alle 14:02

Dario Fo a Gubbio
Dario Fo a Gubbio

Nel 1999 Dario Fo tenne i suoi Discorsi su Leonardo e il Cenacolo, una memorabile lezione-spettacolo a proposito di Leonardo da Vinci , a seguito del restauro di Refettorio di Santa Maria delle Grazie a Milano, che fa parte del ciclo L'arte secondo Dario Fo. Questa volta siamo nel cortile dell'Accademia di Brera che il premio nobel ha frequentato da giovane.

Qui di seguito i principali argomenti.

...continua a leggere "Leonardo, il cenacolo e il volo"

San Benedetto: la rondine sotto il tetto

dice il proverbio di oggi, 21 marzo 2015. In questo giorno comincia la primavera, la chiesa ricorda San Benedetto e c'è anche la giornata mondiale della poesia. Per me poi si tratta di una ricorrenza speciale: oggi è l'onomastico di mia mamma, che è diventata errante l'11 settembre dello scorso anno. Lei ogni 21 marzo era solita ripetermi il proverbio ed era contenta anche di citarmi i primi versi di una poesia di Nicolò Tinebra Martorana:

San Benedetto! - San Benedetto!
Fiori nei prati - rondini al tetto.

Barn swallow (Hirundo rustica). Bygholm vejle,...
Barn swallow (Hirundo rustica). Bygholm vejle, Denmark. (Photo credit: Wikipedia)

Lei amava le rondini e spesso sognava di volare. Ora io l'immagino prendere il volo al crepuscolo. Dopo che da buona madre ha insegnato a me, cucciolo, a prendere le correnti giuste e a fidarmi delle mie ali. Come il gabbiano Jonathan Livingstone lei è passata ad un altro mondo. Ora è diventata cielo, rondini, tramonto. Dal quale, a pensarci bene, lei proveniva con il suo cuore pieno d'amore senza riserve. Buon onomastico mamma.

2

Ultima modifica il 1 maggio 2018 alle 17:47

1017301_357226557738302_1477078856_nCom'è difficile mettere d'accordo le persone! Quanto è duro prendere decisioni in un gruppo! Che fatica andare d'accordo! Sembra che la partecipazione e la condivisione di idee siano un'utopia. Quante volte i migliori progetti sulla carta si scontrano con opposizioni, rifiuti, chiusure? Oppure chi non ha assistito ad una riunione di condominio, ad esempio, che, quasi sempre, finisce con l'essere accompagnata da forti contrasti e discussioni?

...continua a leggere "I Mondi Possibili tra Manduria e Brindisi"

Stasera, 16 Marzo 2015, su Rai Cinque, andrà in onda il quarto appuntamento con L'arte Secondo Dario Fo. La puntata sarà dedicata a Raffaello Sanzio. Le anticipazioni le troviamo sul Cacao del Sabato.

Nell'attesa eccovi un mio piccolo omaggio alla lezione-spettacolo precedente, dedicata a Correggio.

So che non dovrò scendere al porto ma salire sul pinnacolo più alto della rocca ed aspettare che una nave passi lassù. Ma passerà mai? (Italo Calvino, Le città invisibili).

Vi do appuntamento a stasera con il live tweeting dal mio account twitter bestanzon.

Ultima modifica il 6 febbraio 2017 alle 12:45

Coca Cola a Francavilla
Una piccola folla che si appresta ad approfittare del dono delle bottiglie di Coca Cola.

C'era qualcosa di rosso ieri per Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi. E non era sangue. E nemmeno una manifestazione nostalgica. Per tutta la giornata la Coca Cola ha distribuito bottiglie per strada, gratis. Potete immaginare la calca, soprattutto di adolescenti, che si è formata. La multinazionale è giunta in forze nella cittadina con numerosi furgoni che oltre al marchio-logo riportavano il claim "Mangia con me". Ecco un breve video su quel che è successo nel pomeriggio sul viale che porta alla stazione.

...continua a leggere "Le storie di #mangiamoinsieme by Coca Cola"

Ultima modifica il 13 marzo 2015 alle 7:07

Guest Post scritto da Filippo Jatta.

SEO JFactor.it Filippo Jatta

English: seo block
English: seo block (Photo credit: Wikipedia)

Il blog è un mezzo di comunicazione incredibile: permette di comunicare con il mondo intero, condividere informazioni, guide, video e qualunque altra cosa ci venga in mente.

Negli ultimi anni il blogging è divenuto un vero e proprio lavoro full time: sempre più spesso food blogger e fashion blogger, ad esempio, calcano la scena televisiva. Altri blogger, pur non comparendo in tv, sono dei veri e propri punti di riferimento per le loro competenze.

Quali argomenti trattano? I più vari: secondo uno studio di Imageware a farla da padrona sono moda e abbigliamento, seguiti da bellezza & salute, lifestyle, tecnologia eccetera.

Questo vuol dire che, qualunque sia la tua passione, il tuo interesse, puoi aprire certamente un blog a riguardo. Il problema, però, è emergere nella blogosfera.

Allora bisogna chiederci: come hanno ottenuto questo risultato i blogger più famosi e come possiamo avere visibilità anche noi?

...continua a leggere "Emergere nella Blogosfera e ottenere visibilità con la SEO"

Questo è un guest post. Anche tu, se vuoi, puoi scrivere un tuo articolo per questo blog.

Italiano: Cupola del Duomo di Parma, affresco ...
Italiano: Cupola del Duomo di Parma, affresco con la "Assunzione della Vergine", opera di Antonio da Correggio (Photo credit: Wikipedia)

Stasera, 9 marzo 2015, alle 21 e 15 su Rai 5 andrà in onda la lezione-spettacolo Correggio che dipingeva a testa in giù che fa parte del ciclo di Dario Fo e Franca Rame dedicato alla storia dell'arte. Come sto facendo per ciascuna puntata, pubblico qui di seguito la sintesi con i principali passaggi e qualche breve brano. Queste anticipazioni che vi offro  si basano sulla versione dello spettacolo alla data del 3 Giugno 2010. Quindi se trovate, stasera, qualcosa di diverso prendetevela con quel genio di Dario, non con me 😉

...continua a leggere "Correggio, il sole e l’amore"


C'è sempre un libro che ti salva dalla disperazione, dalle scelte violente. Marco Baliani ha preferito leggere il Moby Dick e non passare alla lotta armata. Così oggi abbiamo un ex terrorista in meno e un attore e regista in più. D'altronde chi legge il capolavoro di Melville impara a vivere e raccontare il proprio rapporto con la ferita, con la piaga profonda della propria vita, come mi ha insegnato Enzo Toma quando ho collaborato alla messa in scena del Moby Dick di Francesco Niccolini. La ricerca di Achab, forsennata, altri non è se non la ricerca di qualcosa che giace dentro di noi e che non è facile trovare. Così come semplice non è trovare la risposta che dà a una tua domanda una città della quale non godiamo le sette o e settantasette meraviglie come scrive Italo Calvino e Le città invisibili. Proprio questo testo è un po' la mia Bibbia come il Moby Dick per Baliani. Quando ho bisogno di pace mi siedo in compagnia di Marco Polo e del Gran Kahn che non si capisce se si siedettero molti secoli addietro o se sono in realtà seduti insieme da sempre o se ognuno sta immerso nei suoi guai e immagina di stare in compagnia dell'altro. Questo proprio non lo so e alla fine poco m'importa. Quel che davvero m'interessa è l'erranza, come mi ha insegnato mia mamma.

Quale libro è la vostra bibbia?

Ultima modifica il 12 luglio 2016 alle 14:22

Italiano: Deposizione (particolare 2) Caravagg...
Deposizione (particolare 2) Caravaggio: Vaticano, Pinacoteca Vaticana (Photo credit: Wikipedia)

In questo blog sto dedicando molta attenzione al ciclo di lezioni-spettacolo di Dario Fo e Franca Rame sulla storia dell'arte. Sono in corso più iniziative di cui potete sapere di più nel post L'arte secondo Fo, terzo Vitale. Una di queste è la sintesi della puntata per chi non ha potuto vederla o vuole rileggerne o rivederne dei passaggi. Ad esempio è disponibile quella su Picasso.

Oggi, però, visto che su Il Fatto Quotidiano è già presente un ottimo ed esaustivo riassunto vi rimando ad esso. Preferisco approfittare della vostra attenzione per parlare, invece, di uno dei temi toccati da Dario Fo, quello del realismo. Lo si ritrova durante la spiegazione della Deposizione nel sepolcro. In esso il Merisi utilizza una serie di espedienti come piani mobili, spostamenti dei punti di fuga, geometrie. Il risultato è quello di una grande umanità, di un eccezionale naturalismo, di una morbidezza e spontaneità.Tutto questo però va costruito. Vale la pena rileggere queste parole dette da Dario Fo durante lo spettacolo:

Noi pensiamo sempre al realismo come copia del naturale. Ecco l'equivoco per cui la verità è riuscire a falsificare abilmente la realtà. No: in Caravaggio l'espressione drammatica non si realizza solo interpretando il reale, ma con il supporto determinante della geometria e della dinamica.

...continua a leggere "Il naturalismo non si falsifica, si costruisce"

Ultima modifica il 20 agosto 2018 alle 18:06

Don Camillo
Don Camillo e il Crocifisso. Credit: Wikimedia Commons.

Don Camillo, il celebre personaggio della saga di Giovannino Guareschi, è un paradigma del racconto della preghiera nel cinema. Il suo parlare con il crocifisso, il raccontargli le proprie vicende quotidiane lo rendono esemplare. Sono parole di Dario Edoardo Viganò intervenuto durante la presentazione di un libro dedicato al rapporto tra cinema e preghiera. Si possono ascoltare in coda a questa breve intervista che riporto di seguito.

...continua a leggere "Il paradigma di don Camillo"

Ultima modifica il 13 novembre 2016 alle 13:27

Mappa mentale-agenda Marzo 2015.
Mappa mentale-agenda Marzo 2015.

Ho appena terminato la mia mappa mentale-agenda di Marzo 2015 che potete vedere qui sopra. Questa volta ho tralasciato una delle raccomandazioni di Tony Buzan, l'inventore di questa tecnica e cioè l'uso del colore. Ho, infatti, notato che in questo caso potevo lasciare al lettore che la guarda la fantasia di riempire i disegni e i rami con i colori che più gradisce. Ho pensato che l'assenza delle cromie rendesse più forte le forme che vi propongo.  Allora, rubando le parole a Mogol, possiamo dire che i fiori di Marzo si vestono di nuovi colori. Inoltre, grazie alla lezione di Dario Fo su Caravaggio ho messo in pratica il principio dell'equilibrio compositivo. Com'è mia abitudine mostro la mappa per dare una fotografia di quel che sto facendo nel mio tempo e condividere quei fiori su cui, come farfalla, andrò a poggiarmi, il tepore dell'aria, il piacere di sbattere le ali, la fugacità delle giornate. Fuor di metafora mi piace mettere a disposizione le risorse a cui sto lavorando per creare dei progetti professionali il più possibile aperti, trasparenti, partecipati.

...continua a leggere "I fiori di Marzo"

1

Ultima modifica il 21 maggio 2016 alle 23:28

Michelangelo Merisi da Caravaggio - David - WG...
Michelangelo Merisi da Caravaggio - David - WGA04195 (Photo credit: Wikipedia)

Caravaggio era un violento? Un aggressivo? Un pazzo? Un artista maledetto? Sappiamo infatti dalla sua biografia che prese parte a diverse risse ed ebbe guai con la legge. Per capire, però, cosa davvero successe bisogna guardare alla Roma del suo tempo dice Dario Fo nella sua lezione-spettacolo Caravaggio al tempo di Caravaggio, in onda su Rai5 lunedì 2 marzo alle 21 e 15, che fa parte del ciclo di spettacoli L'arte secondo Dario Fo. La città era immersa nella povertà, nell'intolleranza, nella prostituzione e nel banditismo. In più c'erano qualcosa come tre esecuzioni pubbliche alla settimana. Emblematica quella dei Cenci, tra cui Beatrice la cui storia turbò il pittore di cui stiamo parlando. C'era, insomma, una violenza capillare e quotidiana nei ceti popolari nei quali Michelangelo Merisi, come si chiamava di nome, pescava le modelle o i modelli dei suoi dipinti. A proposito di questi ultimi il premio Nobel svela gli espedienti teatrali che il grande artista del seicento utilizzava: le geometrie e i volumi, glli specchi, i pupazzi, i lucernari.

...continua a leggere "Il teatral Caravaggio"