Vai al contenuto

3

Ultima modifica il 1 maggio 2018 alle 17:27

2

Balancing on the Brink
Paxson Woelber ."Balancing on the Brink." Eagle Peak summit, Chugach Mountains, Alaska.

Se vuoi iniziare qualcosa comincia dalla sua fine. Sembra una frase paradossale, però non lo è. Semmai questa è la prassi per iniziare dal punto più vantaggioso: la riduzione dei rischi. Perché mai dovremmo ridurli e come è quel che cerco di spiegare in questo post.

Qual è la prima cosa che facciamo quando dobbiamo lavarci le mani? Aprire l'acqua? Insaponarci gli arti? In pochi controllano che ci sia la carta o l'asciugamano o l'aria calda per asciugarsi, a seconda di dove siamo. Spesso finiamo per cercare di estrarre con le mani gocciolanti i fazzoletti di carta in tasca, se ad esempio siamo in una toilette pubblica. E se in una situazione tranquilla, dove tutto è sotto controllo, facciamo questo immaginiamo cosa accade in altri contesti. Pensate siano in molti quelli che danno un'occhiata alle previsioni del tempo e alle condizioni del traffico prima di incamminarsi? Oppure pensiamo a chi si accinge a scrivere un articolo o un libro. Perché mai dovremmo cominciare dalla fine, cioè dall'indice? Quello viene dopo. Eppure Umberto Eco nel suo libro Come si fa una tesi di laurea scrive:

Una delle prime cose da fare per cominciare a lavorare su una tesi di laurea è scrivere il titolo, la introduzione e l'indice finale – e cioè esattamente quelle cose che ogni autore fa alla fine. Il consiglio sembra paradossale: cominciare dalla fine? Ma chi ha detto che l'indice vada alla fine? In certi libri è all'inizio, in modo che il lettore possa farsi subito un'idea di quel che troverà leggendo.

...continua a leggere "Se vuoi ridurre i rischi inizia dalla fine"

image

A Scalea, in Calabria,  hai due  città: quella che un tempo con il suo  castello, il campanile e soprattutto le sue scale, guardava altera un mare dalla costa rocciosa è ora sfidata e circondata dall'altra città nata negli anni settanta che ha sbancato i monti e ha asfaltato e cementificato tutto quello che poteva. Pare volersela divorare con lo stesso appetito con cui la 'Ndrangheta si era impadronita persino di ciò che con gli occhi si poteva guardare in questo angolo di mondo che tuttavia conserva ancora bellezza con i suoi alberi di pino, con i suoi ibisco, querce, faggi e quanto di magnifico la natura può riservare.

...continua a leggere "Per chi suona la campana di Scalea"