Vai al contenuto

Tutto quello che c’è da sapere sulle mappe concettuali che a scuola non ti hanno detto

Ultima modifica il 28 agosto 2018 alle 10:28

Risorse, idee, programmi ed esempi di mappe mentali e mappe concettuali

mind map

Il tempo delle mappe

Il nostro tempo è sempre più il tempo delle mappe. Per diversi motivi. Non solo per gli usi main stream come nelle previsioni del tempo o per localizzare, nei notiziari, eventi. C'è infatti chi viaggia e magari inizia a cercare le tappe e gli itinerari su mappe cartacee o su Google Maps. C'è inoltre chi usa le mappe per capire il mondo di oggi. C'è chi poi in vista degli esami di maturità deve realizzare la famigerata mappa concettuale. C'è ancora chi magari ha più tempo libero e magari si dedica a nuove tecniche di apprendimento come il mindmapping. Che tu debba o meno creare mappe concettuali per gli esami di stato o no conviene imparare bene e applicare ogni volta che si può questa modalità di rappresentazione grafica del pensiero. Io la uso dal 2005 in pratica per ogni progetto professionale o della mia vita, per generare nuove idee e a volte per fare la spesa. Ti renderai conto degli innumerevoli vantaggi di questo genere di mappe solo imparandole e utilizzandole. Gli usi possono essere infiniti come anche i benefici.

Mappe concettuali e mappe mentali

Ma cos'è una mappa concettuale? Se hai frequentato la scuola diciamo negli ultimi quindici anni circa forse hai un'idea fuorviata, non precisa e infruttuosa in proposito. Lo dico per esperienza diretta. Infatti, molti insegnanti fanno confusione perché:

  • confondono le mappe con i diagrammi, che sono degli strumenti grafici anche loro ma che sono diversi dalle mappe;
  • scambiano le mappe mentali con le mappe concettuali, che hanno regole, usi, modalità differenti;
  • spacciano ogni sorta di rappresentazione su carta o lavagna che presenti qualche freccia come "mappa concettuale";
  • ignorano il contesto dell'apprendimento significativo che è il solo all'interno del quale possiamo parlare di mappe.

Ma tu, forse, stai cercando delle informazioni rapide, sintetiche, chiare ed efficaci per realizzare le tue mappe al più presto. Allora in questo caso ti può essere subito utile questa breve, gratuita ed esaustiva guida che ho preparato in proposito e che puoi scaricare facendo click sull'immagine qui sotto.

Copertina Studio Semplice
Clicca sulla copertina e scarica la guida gratuita per apprendere come realizzare splendide mappe mentali e mappe concettuali e come organizzare i tuoi studi.

La mappa concettuale è la rappresentazione grafica della rete di relazioni tra più concetti, a partire da quello di partenza.

Questa è la corretta definizione che ne dà Wikipedia nell'omonima voce. La mappa mentale, invece

è una forma di rappresentazione grafica del pensiero teorizzata dal cognitivista inglese Tony Buzan, a partire da alcune riflessioni sulle tecniche per prendere appunti.

Per capire meglio in cosa differiscono e quali sono i loro diversi casi d'uso si può leggere inoltre il mio post La differenza tra mappe mentali e mappe concettuali.

Le mappe mentali sono un ottimo strumento per chiunque deve produrre testi di qualsiasi tipo, dal manuale tecnico della lavatrice al romanzo, passando per il saggio e i post dei blog. Su questo consiglio Mappe Mentali e Scrittura di Umberto Santucci.

Software e app

Detto questo, uno dei primi punti che un loro utilizzatore deve affrontare è come farle materialmente. C'è chi scrive la sua tesina su word o open office e giustamente vorrebbe usare direttamente questi popolari programmi. Purtroppo le mappe mentali non si possono proprio creare con essi. Tutt'al più si possono fare semplici mappe concettuali. Come? Ne ho realizzata una di esempio che puoi scaricare qui. L'unico programma ufficiale, gratuito, efficace, semplice e leggero che esiste per fare le mappe concettuali è Cmap. Tra le cose che trovo più belle ed educative di Cmap è che attraverso il programma si possono consultare e condividere mappe concettuali con tutte le comunità di utilizzatori sparsi per il mondo. Per le mappe mentali, invece, le cose stanno in un modo un po' diverso. Il software migliore è senz'altro iMindMap al quale ha lavorato lo stesso inventore delle mappe Tony Buzan. Ve lo consiglio davvero perché è eccezionale. Se proprio non ve lo potete permettere al momento potete ripiegare su XMind, che ha anche una versione gratuita. Ci sarebbe anche, poi, MindManager, che ho usavo in passato, e che ho trovato completo e interessante per le sue integrazioni con il pacchetto office. Per quanto riguarda, poi, i siti web per fare le mappe online, direttamente attraverso il vostro browser preferito io consiglio MindMup o Meindmeister. Infine, un'ultima possibilità, è di realizzare mappe attraverso Venngage, una suite simile a Canva, dove potete trovare molti modelli da personalizzare anche per diagrammi, schemi, infografiche, ecc.

I libri

Ma prima ancora di metter mano a software e app le mappe concettuali e le mappe mentali sono uno stile di vita, una filosofia, un modo di vedere il mondo che potremmo definire come pensiero visuale, il quale ti semplifica molto la vita. Pertanto diventa davvero importante disegnare prima di tutto questo tipo di mappe a mano, con penne e colori su taccuini. Quindi faresti bene a ordinare subito su Amazon i due libri fondamentali su questo argomento.  Il primo, sulle mappe concettuali, è L'apprendimento significativo secondo la psicologia cognitiva. Una ricerca sulle teorie, gli strumenti e i metodi di Joseph Novak. Il secondo, sulle mappe mentali, è Mappe mentali: Come utilizzare il più potente strumento di accesso alle straordinarie capacità del cervello per pensare, creare, studiare, organizzare... di Tony & Barry Buzan. Un terzo buon libro è quello del mio amico Alberto Scocco Costruire mappe per rappresentare e organizzare il proprio pensiero. Strumenti fondamentali per professionisti, docenti e studenti. Per cominciare in modo rapido e gratuito potresti scaricare anche la mia guida gratuita.

Esempi

Ecco delle mappe mentali:

Ecco, infine, le mappe concettuali:

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi