Vai al contenuto

1

Ultima modifica il 21 agosto 2016 alle 16:37

Al lavoro con Enzo Toma. Foto di Walter Profilo.
Al lavoro con Enzo Toma. Foto di Walter Profilo.

Quali sono le emozioni al primo casting? Che differenze ci sono nella recitazione per il cinema e la fiction? Come si diventa attori? Ci sono dei segreti nell'arte della recitazione? E quali? Come fanno gli attori a dimagrire o ad aumentare di peso? Ho avuto una splendida occasione di rispondere a queste e ad altre domande durante un'intervista con gli amici di Radio Punto Sud, Raffi Carbone e Antonio Palano. Durante questa occasione (il 5 Aprile 2016) ho potuto raccontare un po' come ho cominciato io, con Sergio Rubini nel 2003, un po' la mia storia, i problemi e le difficoltà che incontro e cosa faccio per superarle. Devo dire di essere molto soddisfatto di questa chiacchierata in cui abbiamo fatto cenno anche ad un film in cui ho lavorato e che ha iniziato il suo tour nelle sale: L'età d'oro di Emanuela Piovano, con Laura Morante, Giulio Scarpati, Gigio Alberti, Giselda Volodi e tanti altri. Ascoltatela tutta qui sotto, godetevela come ce la siamo goduta noi, spero, fatene tesoro e fatemi voi, a vostra volta, altre domande nei commenti. Il prima possibile risponderò a ciascuna di esse.

Ultima modifica il 17 ottobre 2015 alle 13:24

don tonino bello
Don Tonino Bello

Oggi, 28 settembre 2011, vi propongo una delle più belle lettere scritte da Don Tonino Bello,  Antonio Bello è stato vescovo di Molfetta, ma soprattutto apostolo della nonviolenza: in molti ricordano la sua marcia nel 1992 a Sarajevo. Vale proprio la pena di leggerla non per una sterile consolazione ma anzi per il recupero che egli sa compiere dei fallimenti.  Buona lettura.

...continua a leggere "A coloro che si sentono falliti"

Ultima modifica il 24 marzo 2014 alle 13:35

Giuseppe Vitale
Giuseppe Vitale in Mistero Salentino.

Questa sera si terrà il concertone finale della Notte della taranta a Melpignano (Lecce). Questo evento è ormai un grande festival di musica popolare nato quindici anni fa. Quest'anno maestro concertatore è Ludovico Einaudi e sono attesi nella cittadina cento mila presenze. La pizzica è oramai nota in tutto il mondo non solo come fenomeno antropologico ma anche dal punto di vista musicale fin da quando nella notte dei tempi i musicanti andavano di casa in casa presso i tarantati per liberarli con le loro note dal morso della taranta. Tuttavia non tutti riuscivano ad essere curati in questo modo perché ci sono diversi casi di donne e uomini, soprattutto, che non trovavano il passo o il ritmo e che non traevano giovamento né dal punto di vista musicale né da quello visuale: rifiutavano i colori e le immaginette dei santi Pietro e Paolo. Si tratta della pizzica "triste e muta" e ne parla Ernesto De Martino nel suo noto studio. Se vuoi saperne di più puoi leggere un mio articolo dal titolo: La taranta della verità. Questa forma di pizzica era piuttosto malinconica e dava vita a un periodo di depressione più o meno lungo. Ed è attorno a questa malinconia, attorno ad un diverso tipo di musicalità che vi propongo due brani che a volte uso nel mio spettacolo Mistero Salentino: una filastrocca e una poesia in dialetto sul maltempo con l'augurio che agli abitanti di New York sia risparmiato il peggio dall'uragano Irene in arrivo. Buon ascolto. Cliccate sul player per ascoltarli.

Le pettole, filastrocca cegliese

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Malitiempu, poesia in dialetto brindisino

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.