Vai al contenuto

NO WAR
NO WAR | by gaudiramone

Che cosa faresti se scoppiasse una guerra mi chiedeva alle volte mia mamma per esortarmi ad imparare la nobile arte della sobrietà, del sapersi arrangiare. Lei la guerra non l'aveva vissuta, ma il dopoguerra, che può anche essere peggio, sì. E poi aveva ben impressi nella mente i racconti dei nonni, nati al tempo della prima guerra mondiale e che in mezzo alla seconda e alle sue bombe sulle case c'erano passati. Io ho sempre guardato a questa eventualità come lontana, impossibile. A scuola ci ripetevano che ormai vivevamo in tempo di pace, che non scoppiava più un conflitto da tanto tempo, anche se da poco era finito lo scontro armato in Vietnam ma rispetto ai precedenti era ben poca cosa. Diversi anni dopo arrivò la Prima Guerra del Golfo con i tracciati della contraerea che di notte sembravano un videogioco. E in seguito la carneficina della ex Yugoslavia, con le fosse comuni, i gas mortali e le mine. Non includo in questo breve elenco le belligeranze perenni come quella tra Israele e Palestina, le ostilità dimenticate come quelle soprattutto africane e la pluridecennale guerra fredda. Tutte le guerre della mia lista rispondevano a un rituale preciso con la dichiarazione di guerra e la successiva invasione del territorio, magari preceduta da bombardamenti aerei. Robe, queste, che per lo più riguardavano i militari anche se alla fine morivano tanti civili.

...continua a leggere "Siamo in guerra. Che fare?"

2

Ultima modifica il 18 dicembre 2015 alle 16:42

Diogenes Club
Diogenes Club. Claudio Di Ludovico.

Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare. Quando le difficoltà si fanno serie è il momento di cominciare ad usare di più e meglio la testa. Quando l'orizzonte è pieno di angoscia ed incertezze è il momento di guardare il senso delle cose da più lati. Per questo per me il 2012 è l'anno dei maghi, l'anno cioè di coloro che giocano con le metafore e con la retorica per ampliare le nostre vedute, per consentirci di vedere ciò che non vedevamo, per rischiarare un cammino che si è fatto piuttosto scuro, buio. Protagonisti di questi strumenti sono gli artisti. Perciò come attore mi sento chiamato in causa, come Diogene, a portare in dono un po' di quella luce che ogni giorno alimento. Voglio, quindi, raccontarvi un po' che strade percorrerò in questo anno nuovo nella speranza di incontrarvi, di fare un pezzo di strada insieme a voi o almeno di darvi qualche spunto, qualche opportunità.

...continua a leggere "Le prime luci del 2012"

incidente Marcoule
Una delle prima immagini dopo l'incidente di Marcoule. Il Secolo XIX.

È una nuova dimostrazione che un incidente è purtroppo possibile.

E' il commento di Corinne Lepage, vecchio ministro per l’Ambiente francese sull'incidente avvenuto oggi, 12 settembre 2011 alle ore 11 e 45 locali, presso il sito nucleare di Marcoule, in Francia. Come apprendiamo dal sito dell'Ansa c'è stata l'esplosione di un forno che

ha provocato la morte di una persona e il ferimento di altre quattro. Per il momento "non c'è stata fuga radioattiva all'esterno", fa sapere il Commissariato dell'energia atomica (CEA). I pompieri hanno comunque eretto un perimetro di sicurezza intorno alla centrale, a causa del rischio di fughe.

Il commento di Lepage mi sembra il più appropriato per guardare con lucidità a questo che è solo uno dei tanti incidenti verificatisi presso le centrali nucleari sparse per il mondo. A parte quello che è avvenuto con Fukushima e con Chernobyl, anche se nel primo caso c'è stato un forte terremoto, si verificano spesso piccoli incidenti, per così dire, in questo tipo di centrali di produzione di energia. Per fortuna questa volta si tratta di scorie  bassa intensità e i pericoli sono molto limitati, come ha dichiarato Francesco Trojani, tecnico dell'Enea.

Marcoule è una centrale che stanno disinstallando e che ha una lunga storia nucleare. Dal 1952 ad oggi sono tantissimi gli incidenti che hanno riguardato strutture di questo tipo. Ora la domanda è: quale sarà il prossimo? In quale centrale nucleare si verificherà il prossimo disastro? In Europa ci sono diversi reattori a rischio. E in diverse centrali del mondo la tragedia è stata più volte sfiorata.

A quest'ora, le 18 e 40, l'allarme sembra cessato in Liguria, la regione italiana più vicina alla centrale. Ma non bisogna aspettare il prossimo incidente. Bene fa Legambiente a chiedere lo stop al nucleare in Europa. Non possiamo continuare a correre questo tipo di rischi, quand'anche fossero installate centrali di nuova generazione perché anche in quel caso i pericoli non cesserebbero del tutto. Non è saggio proseguire su questa strada.