Vai al contenuto

1

Ultima modifica il 17 marzo 2016 alle 12:07

Ponte Girevole (Taranto)
Ponte Girevole (Taranto) (Photo credit: Wikipedia)

Quando sai che sta per succedere qualcosa che non puoi evitare che cosa fai? Quando sai che la tua azienda sta per finire nella mani della magistratura e non sei un criminale che cosa fai? Te ne stai con le mani in mano? Scappi? Camuffi qualcosa per non farti incastrare? Oppure provi a immaginarti gli scenari che si possono aprire secondo diversi gradi di gravità, almeno tre diciamo: scenario peggiore, scenario intermedio, scenario migliore. Ed inizi a prepararti per limitare i danni. Non mi pare che la gestione Riva dell'ILVA si sia distinta per questo. Le carte dei magistrati parlano invece di filtri smontati dai camini, riverniciati e rimontati spacciandoli per nuovi. Basta leggere le conclusioni degli esperti. E tu stato o comunità locale, anche tu sai che sta per succedere qualcosa. Che cosa fai, aspetti che scoppi la bomba mediatica? Perché non muoversi prima e rimediare almeno a qualcosa? Perché non preparare anche in questo caso degli scenari ed iniziare a stanziare le risorse necessarie, per tempo? A Taranto non solo i problemi non sono mai stati definiti, ma neanche gli scenari possibili sono presi in considerazione.

...continua a leggere "Le giuste domande sull’Ilva e su Taranto"

Ultima modifica il 8 settembre 2017 alle 17:04

Coca-CoLLa
Coca-CoLLa Refrigerante boliviano de chá de coca. Capitu (ou Marcela).

Dal 21 dicembre 2012 la Coca Cola sarà espulsa dalla Bolivia. Lo ha decretato il presidente Evo Morales che ha anche affermato:

È la fine dell'egoismo e della divisione. Per il calendario Maya il 21 dicembre prende il via il 'mochinchè. I pianeti si allineano dopo 26.000 anni. È la fine del capitalismo e l'inizio del comunitarismo.

Non mi stupisce questa decisione visto che questa multinazionale statunitense in America Latina ha avuto dei comportamenti antisindacali arrivando a far uccidere tanti leader, soprattutto in Colombia. Sono noti anche i suoi danni ambientali: basti pensare a tutto l'alluminio e alla plastica dei rifiuti di lattine e bottiglie. L'estrazione di alluminio, tra l'altro, ha un effetto devastante nei luogi d'estrazione. Tutte informazioni, queste, che traggo dalla Guida al consum critico del Centro Nuovo Modello di Sviluppo che è un ottimo vademecum prima di andare a fare la spesa. Tempi duri per la Coca Cola che sta conoscendo anche dei cali delle vendite un po' in tutto il mondo.  Ciò sarà dovuto anche al fatto che in questa famosa bibita si sono scoperte delle sostanze altamente dannose per la salute, cancerogene. L'azienda però non si dà per vinta e reagisce alle sue difficoltà annunciando tre nuove divisioni e dando vita alla più grande campagna promozionale di tutti i tempi in occasione dei suoi 80 anni di partnership olimpica. Curioso, tuttavia,  che la bevanda zuccherina tra le principali responsabili dell'obesità a livello mondiale sia sponsor delle olimpiadi. A New York, per decisione del sindaco Bloomberg, da marzo 2013 molti rivenditori per strada, cinema, ristoranti, piscine e palestre non potranno rilasciare bottiglie extra large delle bibite zuccherate.

Io non la bevo più di tanti anni, preferendo alla Coca Cola il Chinotto quelle rare volte che decido di bere una bibita gassata, che il più delle volte evito, avendo qualche problema di acidità e di reflusso gastro-esofageo.  Sono d'accordo con il presidente della Bolivia. Possiamo interpretare lo straordinario allineamento dei pianeti previsto dal calendario Maya come un segno dei cieli per cambiare stile di vita a partire dalle nostre piccole scelte quotidiane, la mostra alimentazione, il prenderci cura di noi stessi, l'evitare prodotti che comportano gravi danni a salute, ambiente e diritti dei lavoratori. Voi la bevete? O preferite altre bevande? Conoscevate questi risvolti?

1

Ultima modifica il 14 giugno 2014 alle 15:14

English: Aerial photograph of the city of Tara...
English: Aerial photograph of the city of Taranto, in Puglia, Italy. Español: Vista aérea de la ciudad de Tarento, en Apulia, Italia. Italiano: Taranto (Puglia, Italia) dall'aereo. (Photo credit: Wikipedia)

Quando si definisce un problema? Prima ancora di affrontarlo, non appena se ne manifestano i primi segnali, non appena la nostra auto mentre la guidiamo, ad esempio, inizia a fare un piccolo insolito rumore da qualche parte che prima non notavamo. Anzi, ben prima che un qualche pezzo del motore o della carrozzeria inizi ad usurarsi, come si fa con i pezzi dei motori degli aeroplani, dopo gli studi dell'ingegnere dell'Aeronautica statunitense Edward Murphy. Cito la sua legge dal testo di Adriano Pennati, Risolvere problemi dentro e fuori le organizzazioni (Franco Angeli):

Tutto ciò che a bordo di un aereo, è nelle condizioni di guastarsi, a suo tempo lo farà e lo farà nel momento peggiore.

Perciò i pezzi degli aerei oggigiorno vengono, in genere, cambiati dopo un tot di ore, non si aspetta che il loro ciclo di vita termini. Questo previene le emergenze. Un'urgenza, infatti, non c'è solo quando si manifesta ma essa è latente, è già presente nei veicoli, nelle situazioni, nelle relazioni, nei prodotti, nelle attività, ecc. Perciò va sempre anticipata, già nel momento stesso in cui installo un programma sul computer ad esempio, o un dispositivo nuovo sull'automobile, sulla moto, ecc. A maggior ragione tutte le possibili conseguenze di grandi opere come quella dell'ex Italsider, ora ILVA, a Taranto vanno studiate con attenzione visto che riguardano la vita di centinaia di migliaia di persone all'interno e all'esterno di quella che è diventata la più grande acciaieria d'Europa.

...continua a leggere "I problemi di Taranto disattesi o ignorati"