Vai al contenuto

diagramma percorso
Da un diagramma di flusso alla mappa e al percorso della propria vita, passando dal planning alla valutazione di costi e benefici. Questa che vedete è una mia interpretazione artistica del post, anche se non so disegnare. Ma mica è detto che una cosa ci deve per forza riuscire bene per non continuare a farla...

Cosa fate quando dovete trovare la strada per un posto? Io di solito digito l'indirizzo di arrivo e quello di partenza su Google Maps e il gioco è fatto. Mi viene mostrato il percorso da fare, il tempo necessario e le varie opzioni: in auto, con i mezzi o a piedi. E spesso utilizzo la stessa applicazione come navigatore. Sarebbe bello poter fare lo stesso quando stiamo cercando la nostra strada nella vita eh? Ci vorrebbe proprio un'applicazione anche per questo. Invochiamo lo spirito di Steve Jobs perché ispiri le menti degli sviluppatori. O, se sappiamo dove smanettare, occupiamocene noi. Io qualche nozione di informatica ce l'ho, ma non arrivo a tanto. Però posso fare un'altra cosa e cioè posso usare lo stesso procedimento. Se ci pensate sia se dovete trovare la strada per la località dove andrete in vacanza o l'ufficio dei vigili urbani dove contestare la multa che vi hanno fatto sia il dover trovare la strada della propria vita, quella che fa per noi, richiede gli stessi passaggi. Quindi non dovrebbe essere difficile. Perché molti faticano a trovarla allora o addirittura passano tutta la vita senza mai scovarla? Di questo parleremo dopo. Andiamo per gradi, da ciò che è più semplice a ciò che è più difficile.

...continua a leggere "Trovare la propria strada nella vita con un diagramma di flusso"

3

Teschio con parrucca bionda.
Teschio con parrucca bionda. Particolare della scenografia di Più leggero di un suspir di Francesco Niccolini con la regia di Enzo Toma.

«Io ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione,
E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo…
come lacrime nella pioggia». (Blade Runner, Ridley Scott).

"E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo"... come perduta è ogni improvvisazione teatrale già nel momento in cui nasce. Già gli attori praticano l'arte delle cose che muoiono. Di loro possono dire: "appartenimmo 'a mort". Si agitano sulla scena e non si sa se resta qualche memoria, qualche eco, in qualcuno, forse. Tutto questo è triste ma è la tristezza del clown, è quella tristezza che in Totò ci piace tanto: la consapevolezza che essi sono impastati con la "stessa sostanza di cui sono fatti i sogni".

...continua a leggere "Sulla condizione degli attori-improvvisatori"